Violenza di genere, Luisa Vernice valore aggiunto nel nucleo investigativo dei Carabinieri Bat

Un maresciallo donna che ha come compito la tutela delle donne. Una carabiniere che deve rafforzare quella rete sociale, composta da istituzioni, centri antiviolenza, parrocchie e ospedali, utile ad arginare la violenza di genere.

pubblicità

È quanto fa ogni giorno, da poco meno di un mese, il maresciallo Luisa Vernice in forza al comando provinciale dei carabinieri di Barletta- Andria- Trani.

Il maresciallo fa parte del “nucleo investigativo che è l’organo di vertice investigativo provinciale ed è stata selezionata per le doti professionali dimostrate e per la particolare sensibilità nell’ambito lavorativo”, ha spiegato il comandante provinciale dei carabinieri Bat, il colonnello Massimiliano Galasso chiarendo che Vernice “si occuperà di sovraintendere tutte le attività dell’Arma che continuano a essere ovviamente orientate alla prossimità del territorio”.

“Stiamo implementando il servizio contro la violenze di genere e le attività di aiuto alle vittime, che sono fragili e vulnerabili”, ha continuato Galasso specificando che “sono in crescita i reati di genere denunciati ma questo spinge il nostro lavoro sul sommerso perché ancora c’è chi non denuncia”.

“Il mio lavoro ha una precisa finalità- ha aggiunto Vernice – creare un collegamento tra tutti gli enti che entrano a far parte del canale contro la violenza di genere: dai centri antiviolenza, alle case rifugio passando per i presidi ospedalieri e gli organi di polizia che collaborano per monitorare il fenomeno e individuare strategie di prevenzione e di contrasto”.

L’appello è sempre a denunciare ma anche “a sensibilizzare chi riceve la denuncia per consentire alla vittima di sentirsi protetta e al sicuro”, ha concluso il maresciallo.

pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.