Venezia, autista eroe di Trani finge guasto del bus affollato e fa arrestare uomo a bordo con coltello

«Zia sono qui, l’autobus ha dei problemi». Una frase innocua, una banale comunicazione al telefono dietro la quale si nascondeva, però, un messaggio in codice alle forze dell’ordine. Obiettivo, salvare un intero autobus di viaggiatori da un uomo che minacciava tutti con un coltello cantando ad alta voce una specie di mantra.

pubblicità

Giuseppe Mazzone, di Trani, 35 anni, ha già una solida esperienza come autista: cinque anni nel’Atm Milano e da uno nella Actv di Venezia. Quella frase, insieme con altre, l’aveva appresa nei corsi di formazione professionale continua ed obbligatoria.

Pareva fosse solo teoria, ed invece Giuseppe l’ha messa in pratica senza esitazione, permettendo ad una volante della Polizia di giungere in pochi minuti e bloccare l’uomo, salvando così i passeggeri.

Il bus era affollato di persone destinate a recarsi dalla stazione dei treni di Mestre verso l’ospedale. Da lì a poco il nostro concittadino notava un uomo agitarsi con un coltello in mano: qualcuno dei passeggeri riusciva a scendere, altri no.

Così, alla prima ripartenza utile, Mazzone lo faceva lentamente comunicando il finto guasto alla control room dell’azienda, che a sua volta ha allertato le forze dell’ordine, che da qual momento hanno seguito il bus con le telecamere.

Quando Giuseppe è arrivato vicino alla fermata ha fatto finta che il bus si fosse definitivamente per il guasto segnalato, azionando lo stop dal finestrino, e ha fatto scendere tutti. Alla fermata c’era già la Polizia per arrestare l’uomo, ancora con il coltello in mano.

«Quando mi sono reso conto del pericolo – ha raccontato Giuseppe all’Ansa – ho pensato solo a due cose: l’incolumità dei miei passeggeri e assicurarli alla protezione delle forze dell’ordine. L’esperienza pregressa da conducente e la formazione che ho ricevuto all’Actv – ammette – sono state fondamentali».

Il primo a complimentarsi stamane è stato il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. «A nome della città e mio personale, voglio esprimere il più sentito ringraziamento all’autista Actv – sottolinea – per avere affrontato con grande coraggio e lucidità una condizione di pericolo».

Soddisfatto per l’esito della vicenda anche il presidente di Actv, Luca Scarabin. “Questa operazione è riuscita bene – conferma – perché c’è un bellissimo rapporto tra la control room, il Comune, l’Actv e le forze di polizia».

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.