Vaccinazioni, Trani ne porta a casa altre 660 per persone fragili e con i medici di famiglia

Si appresta a partire la nuova pianificazione vaccinale nell’intera provincia, con le seconde dosi a partire da oggi nei vari hub e la riprogrammazione delle vaccinazioni sospese nei giorni scorsi a partire dal 16 maggio.

Ieri, intanto, al PalaAssi di Trani è andata in scena una nuova giornata straordinaria per le vaccinazioni dedicata dei pazienti «fragili», a disposizione dei quali vi sono stati ben tredici medici di medicina generale.

Dalle 9 alle 19 sono state vaccinate 660 persone, in un turno extra organizzato grazie alla sinergia fra Direzione generale della Asl Bt e Comune di Trani.

Questi i medici di famiglia che si sono resi disponibili alla vaccinazione dei pazienti: Del Sole; Porcelli; Di Bari; Giobbe; Drago; Saracino; Falco; Ferreri; Vignoli, Caselli ; Pappalettera; Cecca; Musicco.

«Nel nostro piccolo stiamo dando una spinta importante verso l’immunità – dice il dottor Vincenzo Falco -. È la dimostrazione del fatto che, quando tutti remano nella stessa direzione, i risultati arrivano. Più siamo, siamo, meglio possiamo rendere questo servizio».

La sua quasi omonima Cinzia Falco, famoso docente di conservatorio, si è trovata invece dalla parte dei vaccinati: «Ho ammirato l’organizzazione – commenta – e, soprattutto, il sorriso stampato sul volto di tutti gli operatori, che sicuramente infondono molta sicurezza in coloro che si devono sottoporre a questo momento speriamo risolutivo».

I medici di famiglia, come si ricorderà, hanno ricevuto su tutto il territorio 5mila dosi il 29 aprile, proprio per continuare la vaccinazione dei fragili, mentre la Asl si sta concentrando sulle seconde dosi Pfizer.

In totale le vaccinazioni a carico della medicina di famiglia hanno superato abbondantemente le 10mila dosi.

Iniziative di questo tipo ci sono state, nei giorni precedenti anche negli hub degli altri due capoluoghi di provincia, Andria e Barletta. In tal modo, oltre 1.000 le persone fragili vaccinate grazie all’apporto di 25 medici in totale.

Nel frattempo il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, si è negativizzato lo scorso 1mo maggio, proprio nel giorno del suo compleanno, e ieri mattina era già al PalaAssi per coordinare, insieme con il Direttore generale, Alessandro Delle Donne, ed  il responsabile del Servizio igiene e sanità pubblica della AslBt, Patrizia Albrizio, le operazioni di vaccinazione.

 «Siamo felici – dice il primo cittadino – per la capacità della dottoressa Albrizio e dei medici di base di prestarsi per questa giornata speciale, assolutamente da ripetere a conferma della forte sinergia con l’autorità sanitaria».

«Oggi stiamo scrivendo una bella pagina di collaborazione con il territorio e i medici di base – dice a sua volta il direttore generale, Alessandro Delle Donne -. In questa maniera riusciamo ad accelerare il percorso di vaccinazione dei pazienti fragili che sono presi in carico da loro: continuiamo così».