Tribunale di Trani, udienze sospese e sezioni chiuse per covid. Appello dal Foro: «Siamo tutti più responsabili»

pubblicità

«La parola d’ordine è: sicurezza. Senza la garanzia della sicurezza per la salute di tutti gli operatori della Giustizia, siano essi magistrati, avvocati, dipendenti degli uffici o utenti, tutto il resto diventa secondario. Ma, una volta, garantita la salute, il nostro obiettivo deve essere quello di contemperare le esigenze di consentire la prosecuzione dei processi per evitare nuovi devastanti ritardi e l’esigenza di non bloccare il nostro lavoro che in questa fase di pandemia procede molto a rilento e rischia di avere pesanti ricadute».

E’ quanto afferma il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Trani, Tullio Bertolino, a conclusione di una seduta urgente del Consiglio dell’Ordine convocata in via telematica per affrontare il tema dell’emergenza venutasi a creare nel Tribunale di Trani.

La riunione è avvenuta dopo un doppio caso fra operatori degli Uffici giudiziari: il primo ha determinato ha chiusura della Sezione lavoro per la giornata di oggi, mercoledì 4 novembre; il secondo ha persino causato, ieri e l’altro ieri, la sospensione anticipata di udienze in corso a Palazzo Torres.

«Facciamo appello – prosegue il Presidente Bertolino – al senso di responsabilità di tutte le componenti per proseguire sulla strada tracciata appena qualche giorno fa attraverso quel protocollo d’intesa sottoscritto dal Presidente del Tribunale, dal Capo della Procura e dal sottoscritto per consentire al Tribunale di Trani di proseguire le sue attività. Ciascuno deve fare la sua parte, in modo che si possa ancora rispondere a quel bisogno di giustizia che viene da questo territorio. È necessario che tutti, nessuno escluso, rispettino le norme comportamentali e facciano i sacrifici richiesti dalle leggi dello Stato e dal Protocollo sottoscritto a Trani».