Trani, riaperto al traffico l’asse centrale di piazza della Repubblica: fine di una bella idea mal supportata

È tornata carrabile la parte centrale di piazza della Repubblica, compresa fra via Mario Pagano e corso Vittorio Emanuele.

Infatti, ieri è spirata l’ordinanza sindacale che aveva disposto la pedonalizzazione dell’area a seguito dell’arredo urbano «verde» della stessa, effettuato in occasione di una manifestazione ambientalista pre natalizia.

Durante tutto questo tempo numerose erano state le proteste degli automobilisti, costretti a circumnavigare la piazza che, solitamente, attraversavano proprio centralmente.

Insieme con loro quelli che, provenendo dalla direzione contraria, erano costretti anch’essi alla svolta obbligatoria a destra a causa della presenza di transenne correlate all’ordinanza stessa.

L’idea in quanto tale di rendere quel tratto di strada pedonale e arredato è stata molto apprezzabile, considerando che a Bari il prestigio di via Sparano è nato proprio così, partendo da un primo tratto per poi arrivare a pedonalizzarla tutta. Ma è anche vero che, a differenza del capoluogo regionale, le soluzioni alternative qui scarseggiano.
Fra gli altri problemi che si sono determinati, anche la privazione di una ventina di parcheggi di Amet, che non ha potuto in alcun modo recuperarli in altri luoghi perdendo introiti proprio in uno dei periodi nevralgici dell’anno.

Di certo qualsiasi soluzione «green» (termine anglofono sempre più abusato negli ultimi tempi) si voglia adottare, prima deve passare per la matassa di un Piano urbano del traffico di cui ancora non si riesce a trovare il bandolo.

4 Commenti

  1. In ogni città come si deve il centro è off limits per le auto. Dovrebbero passare solo autobus elettrici (a Trani vi è AMET che potrebbe farlo) ed avere parcheggi esterni magari a silos con magari mercati al coperto verso le periferie. Ma Trani è un esperimento mal riuscito e nient’altro!

  2. Occorre amministrare la città con intelligenza e guardando, soprattutto, alle criticità che impediscono la realizzazione di certi progetti.
    Domandiamoci perché gli autobus elettrici di piccole dimensioni sostano in fin di vita nella martoriata Amet… C’è tanta strada da fare, ma con chi ha sinceramente nel cuore la città ed il benessere dei suoi cittadini!

  3. Comprendono solo le grandi menti addette a migliorare il traffico questa genialata…..come la viabilità tra via Cavour e via Tasselgardo….con strade a senso unico accoppiate….non alternate….sempre per migliorare il traffico……un po’ di attenzione..!!! non ci vuole molto a capirlo…!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.