Trani, oggi le esequie di padre Vittorio de Feo. Lo ricorda Filippo Ungaro

Non era un incontro infrequente, per me e per la mia defunta Romy, vederlo sbucare, di prima mattina, da Vico S. Maria, per immettersi, poi, attraversato con cautela un breve tratto di Via Mario Pagano, nella vicina Via Edoardo Fusco, munito dell’inseparabile berretto di panno blu scuro nella stagione invernale, con una borsa sottobraccio, necessaria per portare a tanti il conforto dell’Eucaristia.

pubblicità

Imbattendosi in noi, ci dispensava un saluto quasi familiare e, spesso, proferiva in dialetto tranese le seguenti parole: “Beati voi!”, dispensandoci, subito dopo, un segno di Croce in segno di beneaugurante commiato.

Notissimo tra i Barnabiti di Trani, assolveva con zelo al Suo Ufficio di Confessore nel suggestivo Santuario della Madonna del Carmine, in vicinanza del Porto, ma, anche, di altre Chiese, mettendo a loro completo agio coloro che ricorrevano al Suo aiuto spirituale, pur con qualche piccola difficoltà nell’articolazione delle parole, data la Sua lieve disfemia nel linguaggio bonario, che, comunque, Lo rendeva simpatico ed accetto a quanti avevano fiducia in Lui.

Spesso, mi riferiva Romy, Padre Vittorio le diceva, tutto compiaciuto e con legittima soddisfazione, di essere il “primo Ragioniere-Barnabita” di Trani, e, inoltre, quasi provasse un po’ di disagio istintivo, di “prendere le pillole” per attenuare la Sua difficoltà della pronuncia.

Insomma, una brava e bella Figura di Sacerdote ed amico, tale da suscitare in chiunque un forte rammarico per il Suo commiato terreno, che ci ricorda il fugace scorrere del tempo, insensibile ai nostri “desiderata”.

“Don Vittorio” era stato ordinato Sacerdote, come Padre Giovanni M. Visimberga (altra storica Figura dei numerosi Barnabiti tranesi, valenti Religiosi, Educatori e Docenti), nella Chiesa romana di S. Carlo ai Catinari, nel corso del 1965.

Non possiamo che rendere omaggio, ora che è presso il Padre di tutte le Genti, al caro Padre Vittorio, che ci mancherà molto per il Suo carattere affabile e gioviale, in ispecie quando passeremo, nella stagione estiva presso il monumentale ingresso del Santuario della Madonna del Carmine di Trani, adiacente alla residenza dei Barnabiti ed ex Sede Conventuale, nella magnifica prospettiva panoramica di quell’arco di porto, di cui era innamorato Padre Andrea M. Bonini, altra “colonna “ dei Barnabiti di Trani.

Addio, Padre Vittorio, sarai sempre nei nostri grati pensieri!

Filippo Ungaro

Dalle alture molisane, 13 gennaio 2022

(Anche nella venerata memoria di Romy)

***

(n.d.r.) Come già riferito ieri, lLe esequie di padre Vittorio si terranno oggi, venerdì 14 gennaio, alle 15.30, nel santuario della Madonna del Carmine.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.