Trani, ex pinetina di via Andria: 52.000 euro per alberi e giostrine

pubblicità

Ventiquattromila euro per alberi e piante, 28mila per giostrine e pavimentazione antitrauma: il totale ammonta a 52.000 euro circa e rappresenta l’impegno di spesa più atteso, anche se non unico, verso il completamento dei lavori di riqualificazione della ex pinetina di via Andria, denominata piazza Giovanni Paolo II, già da tempo avviati a cura della società Dspa, di Capurso, per un importo di 147.000 euro su un importo a base d’asta di 222.000.

Fermi nell’attesa del nuovo patrimonio arboreo, dopo il taglio di tutti precedentemente esistenti (molti dei quali ormai secchi e malati), il dirigente dell’Area lavori pubblici, Luigi Puzziferri, in due diversi provvedimenti ha determinato le due somme precedentemente richiamate per le necessarie dotazioni utili al completamento dell’arredo urbano del sito, sul quale l’impresa esecutrice si è occupata dei lavori relativi alla pavimentazione e sagomatura di aiuole e alberature.

Gli operatori affidatari delle due forniture servizio sono Lavermicocca, di Bari, per quanto riguarda la messa a dimora del verde, e Loconsole, sempre di Bari, per giostrine e pavimentazione antitrauma.

I protagonisti più importanti della futura piazza saranno, ovviamente, i nuovi alberi: «Dovranno avere – si legge nel provvedimento in cui si era impegnata la spesa per le due gare – un apparato radicale compatibile con l’esigenza di conservazione della nuova pavimentazione, nonché dovranno essere adeguati al nuovo assetto della piazza in corrispondenza delle nuove aiuole, secondo uno specifico progetto a cura di un dottore agronomo o forestale».

Nello specifico, il progetto prevede l’accostamento di diversi materiali per la  pavimentazione, con l’obiettivo di aumentare la permeabilità del suolo e di distinguere le aree per funzione. Per l’area di attraversamento, che corrisponde alla zona perimetrale, si prevede l’utilizzo di pavimentazione in lastre di pietra di Trani di prima scelta con montaggio a palladiana.

Numerose aiuole per gli alberi provviste di verde calpestabile interromperanno in alcuni tratti la pavimentazione, per garantire ombreggiamento e la permeabilità. In corrispondenza di via Ferrara, strada scarsamente trafficata, è prevista la sistemazione di un’area per cani, separata da una siepe alta ad integrazione degli oleandri esistenti e di una recinzione metallica di protezione interna alla siepe, il tutto per garantire la sicurezza dei fruitori delle restanti parti della piazza.