Trani città slow, 3.650 euro la quota 2021 per aderire alla rete internazionale

pubblicità

È stata pagata in favore dell’associazione Cittaslow International la somma di 3.650 euro, come quota di adesione alla rete internazionale città slow per l’anno 2021.

Nel 2000 il comune di Trani ha aderito formalmente alla Rete Internazionale delle “Città Slow”, approvandone la Carta costitutiva. Tale adesione comporta il versamento di una quota annuale che ammonta, per le città con popolazione superiore ai 30.000 abitanti, a €.3.500,00.

Per la decisione assunta nell’assemblea di Orvieto del 10 marzo 2018 è stata deliberata una quota annuale aggiuntiva a supporto delle spese per il funzionamento del Coordinamento Italiano che, per comuni con più di 15.000 abitanti, ammonta ad €.150,00. Da qui la quota a carico del comune di Trani pari a 3.650 euro.

Cittaslow International è una rete di città presente in diversi paesi in tutto il mondo, in Europa dove è nata e in tutti gli altri continenti. Fondata il 15 ottobre 1999 a Orvieto, Cittaslow è un’associazione senza scopo di lucro che associa i sindaci di città piccole o medie uniti dal desiderio di migliorarsi e dare futuro di qualità alle presenti e nuove generazioni. L’obiettivo primario di Cittaslow è preservare lo spirito della comunità e allo stesso tempo trasmettere la conoscenza alle nuove generazioni per renderle consapevoli del loro patrimonio culturale. Per diventare Cittaslow ogni città deve superare uno specifico processo di certificazione.