Trani, città dell’inclusione: presentata la giornata dello sport paralimpico che si terrà venerdì

Trani sarà una delle sei città pugliesi in cui si svolgerà la giornata dello sport paralimpico. Questa mattina, nella sala Tamborrino di Palazzo di Città, è stata presentata l’iniziativa alla presenza di Giuseppe Pinto, presidente del Comitato Paralimpico pugliese, del sindaco di Trani Amedeo Bottaro, del presidente del consiglio comunale Giacomo Marinaro e della consigliera regionale Debora Ciliento.

L’iniziativa si svolgerà venerdì 29 ottobre in villa comunale, insieme ad atleti paralimpici e tante scolaresche. «Quello di oggi è un segnale che lanciamo – spiega il sindaco Amedeo Bottaro -, è un insegnamento per affrontare i problemi nella vita quotidiana. È un grande messaggio per i tanti giovani perché lo sport ha valore educativo ed è senza barriere. Sono onorato di ospitare questa giornata in città coinvolgendo anche le scolaresche».

«Queste giornate dimostrano che tutti possono fare sport – ci dice il presidente Pinto -, lo sport è di tutti. Non ci può essere uno sport per disabili e uno per normodotati. Certamente i disabili hanno bisogno di ausili per poter fare sport, però non ci può essere disparità».

«Trani è riuscita a intercettare questa giornata – dice ai nostri microfoni il presidente del consiglio comunale Giacomo Marinaro – e la organizzeremo in una location unica come la villa comunale. Ci saranno 16 discipline con 350 ragazzi delle scuole di Trani, tecnici federali e atleti che potranno invogliare maggiormente a capire lo sport come valore di inclusione e socialità. Attraverso lo sport, anche le famiglie possono accettare le disabilità che in passato non erano sempre accolte con favore. Lo sport dà la gioia di stare insieme agli altri e vivere la propria disabilità in maniera tranquilla. Lo sport paralimpico ci ha insegnato che non ci sono limiti: ed è questo che vogliamo insegnare».

«Con questa giornata dimostriamo l’attenzione delle Istituzioni alla disabilità – ci spiega la consigliera regionale Ciliento – e la Regione Puglia in questo è capofila. Bisogna rendere i ragazzi con difficoltà partecipi della realtà quotidiana: a questo non possiamo rinunciare. Eventi come questo sono capaci di coinvolgere le persone disabili. Così dimostriamo attenzione verso un welfare capace di tradurre sempre più i bisogni delle persone».

Qui le interviste a Giuseppe Pinto, presidente del Comitato Paralimpico pugliese, al presidente del consiglio comunale Giacomo Marinaro e alla consigliera regionale Debora Ciliento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui