Trani “città che legge”, candidato il progetto “Fuori rotta!”

Con delibera della giunta comunale è stato approvato “Il patto locale per la lettura della città di Trani”, di durata quinquennale e rinnovabile, un documento di intenti per promuovere la creazione della “Rete Trani città che legge”.

L’amministrazione ha inoltrato al Centro per il libro e per la lettura (CEPELL) la proposta progettuale per l’avviso pubblico rivolto esclusivamente ai comuni in possesso della qualifica di “Città che legge”.

“Abbiamo ufficializzato la sinergia tra amministrazione comunale e librerie con la sottoscrizione del “Patto per la lettura” -spiega l’assessore alle culture Francesca Zitoli – che consentirà di coordinare le azioni di promozione culturale intorno alla filiera del libro per vincere una delle sfide più importanti: incrementare il consumo del libro avvicinando anche i cosiddetti non pubblici e rendendo la lettura vera e propria pratica sociale.

Per queste ragioni, in piena collaborazione con i librai e le libraie della nostra città, abbiamo candidato al bando del CEPELL il progetto “Fuori rotta!”, un articolato piano di attività che vede la lettura raggiungere luoghi inusuali, tra cui le carceri, le RSA, le scuole calcio, gli studi pediatrici, le scuole di vela e il recupero delle Little Free libraries attraverso la realizzazione di libri modificati e acquisto di titoli in comunicazione aumentativa per chi ha disabilità cognitiva.

Richiedendo l’importo massimo del finanziamento messo a disposizione del CEPELL, restiamo ora in fiduciosa attesa perché crediamo che anche questa volta i buoni frutti saranno evidenti soprattutto a chi usufruirà direttamente e non di questo bellissimo lavoro”.