Trani 2020, Barresi: «Tante le battaglie vinte in questi cinque anni. Non possiamo permetterci ancora l’immobilismo»

0
pubblicità

Siamo giunti alla fine di questa campagna elettorale che, come per ogni cosa che ho intrapreso nella mia vita, ho affrontato e, stavolta, maggior consapevolezza rispetto alla volta scorsa.

Ho cercato di veicolare un messaggio, il nostro messaggio, di speranza e di reale cambiamento per la nostra bella Trani. Un cambiamento in positivo che, purtroppo per la nostra comunità, non c’è stato in questi cinque anni. Concludo questa mia prima avventura portando con me un bagaglio di esperienze che hanno rafforzato in me la certezza che Trani non deve fermarsi, non può fermarsi per altri cinque anni.

Non possiamo permetterci altri cinque anni d’immobilismo e soprattutto altri cinque anni di ingiustizia sociale.

RINGRAZIO tutti coloro che mi hanno sostenuto durante il mio percorso, sono stati loro la mia forza ed il mio sprone ad affrontare e superare le difficoltà nel raggiungimento delle tante battaglie vinte per i cittadini.

Lo ammetto, non è stato per nulla facile:

1)  Aver bonificato dall’amianto parte di via Finanzieri;.
2)  Aver ripristinato l’illuminazione di piazza Sacra Regia Udienza e Porta Vassalla;
3)  Aver ripulito, a mie spese con i miei gettoni di presenza in Consiglio Comunale, le scale di Palazzo di Città e il monumento dedicato al nostro concittadino, brigatiere Antonio Cezza, ucciso a Melfi e del giovane carabiniere Savino Di Gennaro ucciso a Padova  il 19/9/1978 ben 42 anni fa;
4) Aver bonificato il rudere di via Tolomeo prolungamento Don Luigi STURZO, che creava problemi ai residenti infestata da ogni genere di immondizia e animali.
5) Essere riuscita a far sostituire in ospedale la figura dell’ortopedico che visita a casa i disabili gravi, per questo problema sono andata direttamente al Ministero della Sanità.
6) Aver portato e riuscita a far approvare in Consiglio Comunale la delibera n.55/2019, relativa alla modifica dei valori di stima DELL’IMU che porterebbero un grande risparmio per i cittadini interessati delle zone agricole su cui non sarà mai ossibile edificare.
7) Aver rispolverato la convenzione tra Comune e costruttore, proveniente da oneri di urbanizzazione, per la costruzione di un parco e pista ciclabile in via Falcone ed a breve partiranno i lavori.
8) Con tristezza devo inserire anche l’aver contribuito al recupero di Villa Bini, con tristezza e sconfitta ricordo questo intervento perché l’amministrazione Bottaro non ha, come promesso, esercitato un’azione di controllo per difendere e proteggere  villa Bini dagli attacchi dei vandali. Tutto questo serve a dimostrarvi che l’attuale amministrazione è incapace di tutelare il verde e la Città.

Nel mio piccolo ho cercato di rispettare il mandato che voi cittadini mi avete dato, rappresentando al meglio le vostre necessità e combattendo con tutte le mie forze, per questo mi auguro vogliate concedermi ancora quest’onore e privilegio barrando il simbo di “Italia in Comune” e scrivendo il mio nome BARRESI.

 

 

Anna Maria Barresi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui