Tentata induzione su Pm, condannato a due anni e mezzo l’ex procuratore di Trani Capristo

Al termine del processo di primo grado, celebratosi innanzi il Tribunale di Potenza, l’ex procuratore di Trani Carlo Maria Capristo è stato condannato a due anni e sei mesi di reclusione, pena sospesa, per tentata induzione indebita e falso ideologico. Per altre ipotesi accusatorie relative a quest’ultimo reato il magistrato è stato assolto perché il fatto non sussiste.

pubblicità

Secondo quanto riferisce la Gazzetta del Mezzogiorno, la pubblica accusa ipotizzava a suo carico un tentativo di induzione verso il pubblico ministero Silvia Curione, quando entrambi erano a Trani, per agevolare tre imprenditori di Bitonto in ogni caso condannati a due anni, pena sospesa, insieme con la figura intermediaria (fra Capristo e il suo sostituto), vale a dire l’autista che ha patteggiato una pena di due anni.

L’avvocato Angela Pignatari, difensore dell’ex procuratore, ha preannunciato appello nella convinzione di dimostrare l’estraneità del suo assistito ai fatti contestati.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.