Solidarietà, commercialisti ed immigrati abbracciati inseguendo un pallone

Vi raccontiamo la storia di un gruppo di commercialisti che, nonostante gli impegni professionali, non ha mai perso la voglia di giocare a calcio e s’incontra ogni sabato mattina, ormai da tempo, al Centro sportivo Capirro di Trani.

pubblicità

Nello stesso Centro sportivo, in un altro campo adiacente, da settembre, gli educatori della Coop. Oasi 2 accompagnano i ragazzi provenienti dal Centro di Accoglienza MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati), per farli divertire giocando a calcio, insieme ad un coach volontario dotato di tanta buona volontà.

All’inizio i ragazzi non avevano regole .. … e neanche scarpe, né pantaloncini .. … poi, passo dopo passo, senza mai mollare, l’allenatore Giovanni li ha messi in riga fino a farli diventare una vera e propria squadra, con uno stile di gioco, delle strategie e tanto fair play.

Dicono che le persone che incontriamo, la vita ce le metta davanti per insegnarci qualcosa.

Bene, leggete il prosieguo della storia e diteci se non è così.. …

Sabato dopo sabato, la squadra dei commercialisti vede giocare i ragazzi di Oasi2 e si accorge che il gruppo assortito e disordinato di ragazzi in ciabatte, sta diventando sempre più Squadra.

Così decide di sostenerla, fornire le divise e regalare il sogno di giocare insieme una vera e propria partita, in un grande stadio.

Ora, non sappiamo se i ragazzi di Oasi2 si aspettassero questo finale, se abbiano mai giocato in un vero e proprio stadio, con l’erbetta morbida e verde. Sappiamo soltanto che venerdì 7 giugno è stata una festa per tutti noi perché allo stadio di Andria abbiamo disputato una partita ricca di emozioni in cui hanno vinto il Fairplay e l’entusiasmo contro il pregiudizio e l’emarginazione.

Il sindaco di Andria, dott.ssa Giovanna Bruno, insieme a suo fratello avv. Francesco Bruno, Presidente della Fondazione Pugliese per le Neurodiversità, hanno fatto gli onori di casa e fortemente voluto che il calcio d’inizio fosse dato da Alessandro un ragazzo della Fondazione.

Ancora una volta il gioco unisce, cancella le distanze, accoglie, diverte, insegna e fa crescere.. … soprattutto dimostra che solo chi conserva la parte giocosa del bambino che era, può sognare e realizzare quei sogni, regalando sorrisi a chi ha molti incubi da dimenticare.

Giulio Pisani – Asd Ordine Commercialisti Trani

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.