Sicurezza, i locali notturni potrebbero chiudere tutti alla stessa ora

Il Prefetto di Barletta Andria Trani, Silvana D’Agostino, ha presieduto stamani nel Palazzo di Governo a Barletta la prima riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, alla presenza del Presidente della Provincia, dei Sindaci dei comuni capoluogo e dei tre vertici provinciali delle Forze di Polizia (Questore e Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza).

pubblicità

        Nel corso dell’incontro si è proceduto ad effettuare una disamina generale delle principali problematiche afferenti l’ordine e la sicurezza pubblica, con un focus sui reati predatori di maggior rilevanza quali rapine ed assalti agli autotrasportatori, furti di auto, criminalità rurale e danneggiamenti con finalità estorsive e ritorsive.

            Il Presidente della Provincia ha condiviso la necessità di accelerare l’iter per il completamento degli uffici statali sul territorio e, unitamente ai Sindaci delle città capoluogo, ha posto l’accento sull’opportunità di di intensificare l’attività di controllo del territorio in relazione ai reati che destano particolare preoccupazione nella comunità, nonché in vista dell’imminente stagione estiva e la conseguente gestione, anche dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza pubblica, del notevole flusso di turisti. 

            A tal proposito è emersa l’esigenza di uniformare gli orari di chiusura degli esercizi pubblici nelle ore notturne, argomento che sarà valutato in una prossima riunione allargata alla partecipazione dei rappresentanti delle associazioni di categoria.

            Il Prefetto ha inoltre preso atto dell’impegno dei Sindaci a collaborare, con il fondamentale supporto delle Forze di Polizia, per infondere tra i cittadini e le associazioni di categoria degli imprenditori l’importanza della denuncia per contrastare in maniera efficace i fenomeni di estorsione ed usura.

            Al termine dei lavori il Prefetto Silvana D’Agostino si è detta “soddisfatta della prima riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, trattandosi di un consesso istituzionale imprescindibile in cui adottare le più opportune strategie di contrasto ad ogni forma di illegalità. Sosterrò con energia in tutte le sedi opportune le richieste dei Sindaci di portare a compimento l’istituzione degli uffici statali sul territorio, nell’ottica di affermare con maggior efficacia l’identità di questo territorio. Quanto invece alla richiesta di un maggior controllo del territorio, si stanno creando le condizioni più idonee per rispondere a tale esigenza, tenuto conto della recente assegnazione di un cospicuo contingente di uomini che sarà ulteriormente incrementato entro la fine dell’anno grazie all’impegno assunto dal Ministro dell’Interno”.

pubblicità

2 Commenti

  1. Consiglierei al prefetto della nostra provincia di farsi un giro per la città di Trani prima di ogni riunione del comitato per l’ ordine pubblico. Scoprirebbe la vera realtà.

  2. Il problema che provocano questi locali sono due: il primo è la musica ad altissimo volume nonostante non hanno autorizzazioni a diventare vere e proprie discoteche a cielo aperto, secondo è la somministrazione di superalcolici anche a minorenni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.