Si chiude con una sconfitta il 2022 della Lavinia Group: 0-3 contro il Sportilia Bisceglie

Termina con un 3-0 per Sportilia Bisceglie l’ultimo match del 2022 della Lavinia Group Volley Trani, che al Paladolmen giocano un match buono solo a tratti: male il primo set (25-18), bella reazione nel secondo parziale che quasi riapre la contesa (25-23), infine la resa, in un terzo set quasi mai in discussione (25-18). Ora la sospirata pausa natalizia per ritrovare energie nuove in vista del tour de force per la salvezza.

pubblicità

Equilibrio per i primi dodici punti dell’incontro, Montenegro e De Kunovich firmano il primo parziale Trani degno di nota (6-9), ma la fase centrale è tutta di marca Sportilia, con il contro-break di 11-4 che costringe al time-out coach Mazzola. Miranda e Ricchiuti provano a riaprirla (17-16), ma un devastante 6-0 indirizza il set. Coach Mazzola inserisce il doppio palleggiatore (Cosentino e Ricchiuti contemporaneamente in campo), ma il parziale va in archivio: 25-19 e 1-0.

Avvio di secondo set ancora con il freno a mano tirato (5-3), la rincorsa ha i suoi frutti grazie a Giannone (12) e Montenegro (9), quando la Lavinia impatta sul 10-10. Ancora un break a metà parziale di Sportilia sembra chiudere anzitempo i giochi (6-0), ma la reazione ospite qui è veemente: Quattro punti di Miranda, due di Giannone, uno di Dambra e uno per un attacco avversario out, ribaltano la contesa, con coach Nuzzi che invano chiama due volte sospensione: 16-18 e inerzia a favore delle viaggianti. Qui Bisceglie ha un moto d’orgoglio e impatta, prima La Notte con un ace, poi Giannone mettono le avversarie a distanza (23-21), ma un clamoroso 4-0 ribalta nuovamente tutto. Sliding Door sul 24-23, quando una doppia svista consegna il set a Bisceglie: “doppia” della palleggiatrice e alzata del palleggiatore che era seconda linea, che saltando non poteva mettere la palla dall’altra parte del campo, cosa che invece è avvenuta. Due errori marchiani che hanno condizionato non solo il set ma l’esito dell’intera gara. Nel concitato finale di set le proteste che porteranno poi all’alba del terzo parziale l’espulsione di coach Mazzola.

Con l’ingiustizia subìta e senza il suo condottiero in panca, le biancoblu provano a reagire, ma le cose si mettono immediatamente male (8-3). Miranda, Montenegro e Ricchiuti (6), provano a ricucire la forbice, ma Bisceglie gioca sulle incertezze ospiti (19-13). Il finale è tutto delle padrone di casa che chiudono la sfida sul 25-18 e 3-0.

Prova a corrente alternata della Lavinia Group Volley Trani, che con un po’ più di continuità avrebbe potuto conquistare almeno un set e poi giocarsela. Bisceglie è stata più fredda nei momenti topici e ha conquistato tre punti fondamentali in ottica salvezza. Per Trani ora quasi venti giorni di pausa salvifici, per ricaricare le pile in vista della seconda parte di stagione.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.