Scontro treni, processo slittato al 29 aprile causa Covid

pubblicità

Il processo per l’incidente ferroviario del 12 luglio 2016, che provocò 23 morti e 51 feriti sulla linea Andria-Corato di Ferrotramviaria, è slittato al 29 aprile, causa Covid. Inoltre, è stata disposta anche la sospensione dei termini processuali per evitare la prescrizione di alcuni reati.

L’udienza di questa mattina, nonostante fosse stato citato un teste, si è tradotta in un nulla di fatto, perché il collegio del Tribunale di Trani ha dovuto decidere sulle numerose eccezioni delle difese in merito all’idoneità igienico-sanitaria e strutturale dell’auditorium ‘Riccardo Baglioni’ dell’oratorio Sant’Annibale Maria di Francia ad Andria. L’auditorium è stato ritenuto non idoneo dai legali delle parti per la mancanza di banchi su cui consultare i fascicoli, l’assenza di certificazioni circa la sanificazione degli ambienti e anche il
superamento del numero massimo di persone consentito dalle regole anti Covid.