Presunto disastro ambientale provocato dalla discarica di Trani: tutti assolti

Il Tribunale di Trani ha assolto gli imputati del processo per il presunto disastro ambientale provocato dalla discarica di Trani.

pubblicità

Giuseppe Tarantini, Luigi Nicola Riserbato, Pina Chiarello, Giuseppe De Simone, Giuseppe Affatato, Antonello Antonicelli, Giuseppe Tedeschi, Giuseppe Maestri, Caterina Di Bitonto, Pasquale e Pietro Elia Abaticchio, Fancesco Sotero, Francesco Di Toma, Pasquale Sorrenti, Antonello Ruggiero, Antonio Peluso, Michele Zecchillo e Domenico Angiolella sono stati tutti assolti dai capi d’accusa, contestati loro a vario titolo, perché i fatti non sussistono o per non averli commessi.

Due non luoghi a procedere, nei confronti dei soli Sotero e Ruggiero, per due capi di accusa perché estinti per intervenuta prescrizione.

Esclusa la responsabilità per illecito amministrativo contestato ad Amiu Spa, perché il fatto non sussiste.

Questi i reati contestati a vario titolo: disastro ambientale; omissione d’atti d’ufficio; gestione continuata di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione Aia ed emissioni in atmosfera non autorizzate.

Secondo la tesi dell’accusa, l’assenza di un impianto di captazione del biogas avrebbe determinato un eccesso di presenza del materiale all’interno della discarica, con la conseguenza di un’enorme pressione che determinava l’uscita di percolato senza controllo da alcune tubazioni, ma anche, e soprattutto, la spinta verso i bordi della discarica e quindi la concreta possibilità che sia stato proprio quello il motivo dell’incidente alla base della dispersione di percolato in falda che causò la chiusura della discarica il 4 settembre 2014. Per la pubblica accusa sarebbe stato concreto anche il rischio di un’esplosione.

Le motivazioni della sentenza, pronunciata nel pomeriggio di oggi, 1mo febbraio 2024, a distanza di 10 anni dall’avvio del procedimento penale, di cui fu titolare l’ex Pm di Trani Michele Ruggiero, entro 90 giorni a partire dalla data odierna.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.