Presentazione della giunta comunale, il sindaco Bottaro: «Continuiamo il lavoro svolto finora. Squadra eterogenea ma coesa»

pubblicità

Durante la presentazione della nuova giunta di questa mattina, il sindaco Amedeo Bottaro ha evidenziato gli obiettivi della sua nuova amministrazione: «Il nostro programma si basa sulle linee programmatiche e gli indirizzi di governo che hanno ottenuto la larga maggioranza dei voti nel primo consiglio comunale. Dobbiamo ripartire da lì perché serve completare le opere pubbliche già avviate. La rigenerazione urbana sarà la sfida del prossimo quinquennio. Anche il dossier sulla candidatura di Trani a capitale della cultura 2022 deve essere il punto di partenza su cui lavorare».

Come detto, la giunta Bottaro è a forte trazione politica, con soli tre innesti tecnici: «La squadra è eterogenea – ha detto il primo cittadino -, ci sono molti assessori giovani ma con la giusta esperienza. Siamo riusciti a dare voce alle diverse realtà come l’associazionismo, i tecnici, ma c’è anche tanta esperienza come quella di Carlo Laurora e Fabrizio Ferrante. Sicuramente ci sarà tanto da lavorare, ma siamo già all’opera. Il momento non è dei più semplici, ma dobbiamo creare una politica a doppio binario: da un lato affrontare l’emergenza Covid e dall’altro continuare con le infrastrutture e lo sviluppo economico della città. Abbiamo le idee chiare – ha continuato il sindaco Bottaro -. Ho un gruppo che ha capito subito le priorità, sono contento che tra loro ci sia grande affiatamento: tutti hanno voglia di mettersi a lavorare il prima possibile. Per questa nuova amministrazione il programma dei cento giorni sarà quello di verificare cosa hanno prodotto i nuovi assessori, ma sono sicuro che tutti supereranno la prova brillantemente».

In chiosa, Bottaro si è espresso anche sulla defezione di Antonio Loconte, capogruppo di Solo con Trani Futura che ha disconosciuto la giunta: «Non ho bisogno di cacciare nessuno. Chi viola le regole generali non scritte si autoesclude automaticamente».