Nessun Covid-Hotel nella Bat, D’Alberto (Cgil): «Dimenticanza o scelta?»

Tutte le regioni italiane si stanno attrezzando per affrontare la seconda ondata di contagio
appoggiandosi anche sugli alberghi nei quali saranno ospitati pazienti che non necessitano
di ricovero. La Protezione Civile della Puglia ha provveduto a definire la rete regionale dei
“Covid-Hotel” ma nella mappa manca la Bat.

pubblicità

«Scorrendo l’elenco dei luoghi dove sono state definite intese con i gestori di alberghi si ritrovano le città di Bari, Altamura, Conversano, Lecce e Brindisi. Non c’è nulla che riguardi la Bat. Non sappiamo se si tratti di una dimenticanza, di un rinvio o anche di una scelta strategica. Ma siamo certi che l’assenza di questo territorio nell’indicare un riferimento alberghiero vada rapidamente colmata. Al di là del campanile, i numeri ci dicono che in queste settimane la Bat si sta rivelando, insieme a Bari e Foggia, tra le province a più alto indice di contagio», dice Biagio D’Alberto, segretario generale Cgil Bat.

«Riteniamo che sia fondamentale indicare strutture che eroghino un servizio dedicato ai positivi asintomatici ed agli operatori della sanità, rafforzando contemporaneamente il sistema di assistenza domiciliare perché gran parte dei malati di Covid deve essere curata a
casa. In questo percorso la ricettività alberghiera è centrale, così da mettere a disposizione stanze per chi non può affrontare la malattia da asintomatico in casa o per chi lavorando negli ospedali trova difficoltà a tornare in famiglia nei turni di riposo. Ribadiamo la nostra convinzione: curare a casa significa anche ridurre la moltiplicazione dei contagi e soprattutto – conclude D’Alberto – alleggerire la presenza dei malati nelle corsie degli ospedali, che mai come in questa fase stanno vivendo il punto di massima criticità».

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.