Mostra espositiva «Verso l’architettura del XXI secolo» dell’arch. Tangaro, in biblioteca fino al 16 giugno

Stampa

Mostra espositiva VERSO L’ARCHITETTURA DEL XXI SECOLO

pubblicità

31 maggio – 16 giugno 2024

La Città di Trani è lieta di inaugurare la mostra espositiva di Domenico Tangaro Architetto il quale presenta i suoi ultimi studi di architettura, in una mostra di disegni – Concetti Spaziali Architettonici – in occasione di Open – Studi Aperti 2024, promosso dal Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, insieme all’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, della Provincia di Barletta-Andria-Trani, nella Biblioteca “G. Bovio” di Trani.

La mostra di disegni, composta da Concetti Spaziali Architettonici, intitolata VERSO L’ARCHITETTURA DEL XXI SECOLO è uno studio immaginario di nuove planimetrie per Ville Unifamiliari al mare, in campagna, in collina, ideate per modellare gli spazi abitabili in modo innovativo dove, il movimento del Sole e dei suoi raggi entrano nelle Ville in ogni angolo, in ogni ambiente.

La luce naturale del Sole di giorno e la luce soffusa della Luna nel plenilunio, sostituita dolcemente con la luce artificiale sapientemente dosata e leggera, simile a quella naturale, illuminano gli spazi interni che si aprono con lo sguardo verso l’esterno dove, la natura della campagna, del mare e della costa e le lunghe prospettive sulla collina, aprono a orizzonti sconfinati tra mare e cielo.

I volumi modellati permettono disegni di spazi contemporanei dove la natura entra nell’interno attraverso le ampie vetrate mobili e tutto si snoda seguendo le altimetrie dei luoghi, allargandosi e alzandosi, seguendo il disegno naturale del paesaggio.

Le planimetrie sono fluide, empatiche, interconnesse negli spazi senza interruzioni, permettendo agli ambienti di fondersi uno nell’altro, tra forme nuove di muri concavi e convessi che si intrecciano con forme ortogonali geometricamente composte, creando una continuità effettiva, spingendosi oltre la dimensione architettonica organica.

Oltre la natura c’è un pensiero immaginativo che abita le forme e i segni contemporanei provenienti da lontano, che dichiarano l’essenza concettuale del XXI secolo.

In questi ambienti la mente vola libera, dando spazio a pensieri nobili, immaginando il futuro in continuità alla storia, all’arte, alla musica, alla letteratura presente nel nostro pensiero e che informa l’ideazione contemporanea, oltre i confini pragmatici, accogliendoli e superandoli.

Lo spazio è centrale nelle composizioni, la natura è onnipresente e le stagioni sono percepibili ad occhio nudo; i profumi delle erbe officinali e della vegetazione esterna entrano nelle Ville riempiendole di vita olfattiva che, insieme alla nuova dimensione visiva, apre a orizzonti mentali puri, nuovi, ricchi di innovazione filosofica.

In questi luoghi si ritrova il tempo per pensare, immaginare, agire. Nulla è lasciato al caso, tutto è composizione, pensiero, disegno, rendendo aperte le possibilità al nuovo, alla scoperta dell’indefinito costruttivo, entro cui vivere una vita semplice e ricca di impulsi percettivi legati all’alba, al mezzogiorno, al tramonto, alla notte, in un fluire continuo nell’immensità del Cosmo, tra le costellazioni, nella consapevolezza di essere contemporanei e aperti al futuro del XXI secolo.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.