Lungomare, 4m… eno: già vandalizzato il chiosco bar riconsegnato al Comune di Trani

Da 4m a 4 meno. È il voto che si dovrebbe dare all’amministrazione comunale per non avere tenuto adeguatamente custodito il chiosco del lungomare Cristoforo Colombo, l’ex 4m appunto, già da tempo riconsegnato dal precedente conduttore a Palazzo di città e nell’attesa di essere a sua volta affidato al subentrante.

Un film già visto con riferimento al vecchio chiosco bar L’incontro (oggi Barbayanne), sulla piazzetta Scoglio di Frisio: anche quella struttura, dopo che fu lasciata dal precedente concessionario, era deperita soprattutto sotto i colpi dei vandali, che vi appiccarono persino un incendio.

Gli stessi oggi, penetrando dalla porta sul retro, stanno puntualmente depredando quel poco che resta dell’interno e rendendo il chiosco, probabilmente, non più sicuro. A questo punto si rendono necessarie misure urgenti per evitare nuove intrusioni e, soprattutto, problemi per la pubblica incolumità. Inoltre, come si vede dalle foto, ignoti hanno anche lasciato il vano contatore aperto, alla mercé di tutti.

Ovviamente si spera che, quanto prima, le chiavi siano consegnate al nuovo concessionario. Come si ricorderà, il chiosco (insieme con gli altri) è stato oggetto di gara quadriennale con aggiudicazione definitiva arrivata il 18 settembre 2020: il chiosco in questione, il numero 1, di 34,5 metri quadrati, ha avuto 12 partecipanti ed è andato a Saverio Spallucci, che ha offerto 2112,98 euro mensili su una base d’asta di 556,22.