L’impatto del Covid sulla Bat, il Pes: «Tra le province italiane con più contagi»

coronavirus
pubblicità

Questa breve nota intende evidenziare come l’impatto della pandemia sull’economia della
Provincia di Barletta-Andria-Trani, in questa seconda ondata, abbia intaccato in modo drammatico l’economia locale, che già nella situazione pre-covid si presentava fra le economie più deboli del Paese. Infatti, la BAT è fra le province con il più basso PIL pro-capite e con il PIL pro-capite più basso fra le province pugliesi, come evidenziano i dati di EUROSTAT.

Dai dati qui emergono, in particolare, le seguenti considerazioni:
1. la BAT, come tutte le economie occidentali, esprime la transizione verso un’economia post-industriale, con una prevalente presenza del settore terziario, che risulta essere
generalmente il settore maggiormente colpito dalla pandemia;
2. la BAT è caratterizzata da una struttura produttiva legata a filiere, ovvero a catene del
valore, in misura significativa legate ai mercati del Nord Italia e ai mercati esteri, che pertanto hanno risentito e stanno risentendo della situazione di lockdown, che ha interessato le regioni del Nord Italia e i vari Paesi con cui l’Italia mantiene i principali
rapporti commerciali (Germania, Francia, Inghilterra, Spagna);
3. pur non essendoci dati precisi, al momento stimiamo che la seconda ondata della pandemia, salvo eccezioni, abbia intaccato i fatturati delle imprese locali da un minimo del
30% a un massimo del 90%, a seconda dei comparti considerati;
4. la BAT è, in questo momento, fra le province italiane che maggiormente stanno  registrando la diffusione del virus, per quanto in via di miglioramento, come evidenziato dagli ultimi dati sul numero di nuovi casi per 100.000 abitanti.

Sulla base di queste brevi, ma rilevanti considerazioni, emerge chiaramente la necessità per le attività economiche del territorio di accedere, pur essendo zona arancione, ai ristori che il governo ha predisposto o che sta predisponendo per le zone rosse.

Inoltre, visto il susseguirsi di ordinanze difformi nei vari comuni della BAT, invitiamo i Sindaci ad assumere misure omogenee nei confronti del mondo delle imprese e del lavoro, salvo giustificati motivi locali, per evitare confusione sul territorio provinciale, sia da parte delle imprese che dei cittadini.

Biagio D’Alberto e Ruggiero Di Benedetto, Coordinamento Politico del Pes Bat; Emmanuele Daluiso , Coordinamento Tecnico del Pes Bat