Liceo De Sanctis: primo premio alla rassegna di teatro delle scuole Skené

È trionfo del Liceo De Sanctis di Trani all’ottava edizione di Skené, la rassegna di teatro delle scuole organizzata dal Liceo Scientifico “G. Salvemini” di Bari.

pubblicità

L’istituto superiore di secondo grado ha ottenuto il primo premio come migliore spettacolo: gli studenti hanno messo in scena le “Baccanti” con la regia della professoressa Rossella Piccarreta. Il premio Damiano Russo come migliore attore è stato conferito allo studente Marco Curci della 3B Classico internazionale.

In questa edizione di Skené sono stati presentati dodici spettacoli, realizzati grazie a laboratori teatrali condotti nelle scuole secondarie di primo e secondo grado delle province di Bari e BAT. La giuria è stata composta da studenti, docenti ed esperti del settore.

«Il tempo è breve – commenta la regista dello spettacolo -. Chi segue l’immenso perde l’attimo presente”. Lo diceva Euripide nelle Baccanti appunto. E noi questo attimo ce lo godiamo tutto! E siamo felici, uniti in un abbraccio collettivo, così uniti da diventare un corpo unico».

Questa la motivazione per il conferimento del primo premio: “Lo spettacolo si distingue per l’efficacia dell’impatto emotivo che suscita negli spettatori, benché non trascuri l’aderenza al messaggio Euripideo. Le prove attoriali e le trovate registiche restituiscono il valore del testo, modernizzandone le suggestioni”.

«Abbiamo iniziato a pensare a questo spettacolo – spiega Marco Curci – nel 2019. A causa del Covid ci siamo fermati e per fortuna quest’anno con la regia della nostra professoressa siamo riusciti a portarlo a termine. Sono molto felice, è un onore per me aver conquistato il primo premio in ricordo di Damiano Russo. Il personaggio di Dioniso mi attirava molto sin dall’inizio: sono contento per come sia andata».

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.