Le serigrafie di Marilyn Monroe in mostra al Polo museale di Trani

Marilyn Monroe ha sempre rappresentato il mito della bellezza, quella che ammalia, seduce, incanta fino a conquistare il cuore di ogni singola persona. È stata un’eccellenza straordinaria, che a sessant’anni dalla sua scomparsa, continua, attraverso le immagini, a vivere nella nostra immaginazione, sognando quei tempi di benessere passati.

pubblicità

Marilyn è indimenticabile, era sensualità pura e disarmante: il potere della “ragazza d’oro di Hollywood” stava nei suoi occhi, nei sui fianchi, nelle sue gambe, nei capelli biondi. Ma era apprezzata anche per la sua dolcezza, per la sua anima più profonda, la sua simpatia: il suo sorriso, che celava le sue più grandi vulnerabilità e sofferenze, derivanti da un’infanzia dolorosa, era il simbolo dell’intero show business americano.

Quest’anno, in occasione del sessantesimo anniversario dalla scomparsa prematura della diva hollywoodiana avvenuta il 5 agosto 1962, il Polo Museale Diocesano e la Fondazione S.E.C.A. rende omaggio alla Marilyn Monroe talentuosa, intelligente, sensibile, musa ispiratrice dell’artista annoverato tra i più irriverenti del ‘900: Andy Warhol. Cosa accadde in quell’agosto del 1962 quando Marilyn fu ritrovata senza vita nella sua casa a Brentwood, Los Angeles, a soli 36 anni, non è ancora del tutto chiaro: si potrebbe affermare che l’evento stesso contribuì ad alimentare la sua fama, avvolta adesso da un alone di mistero.

In mostra dal 4 agosto nella sezione Museo della macchina per scrivere di Trani, le serigrafie di Marilyn realizzate da Sunday B. Morning: saranno esposti alcuni pezzi dell’edizione europea delle stampe timbrate al retro con inchiostro blu: “Published by Sunday B. Morning” e “Fill in Your own Signature”. Ad arricchire la mostra più di trenta opere di artisti nazionali ed internazionali che hanno rappresentato l’attrice con tecniche miste dagli effetti più stravaganti. Di seguito l’elenco degli artisti: Gianpiero Arzuffi, Shura Baggio, Dario Brevi, Francesco Bruscia, Celsauro, Angelo Colagrossi, Jakob de Kirico, Paolo Dolzan, Pablo Echaurren, Daniele Falanga, Armando Fettolini, Giorgio Gost, Giuliano Grittini, Hector & Hector, Krm (Chérif et Geza), Paul Kostabi, Mojmir Jezek, Malipiero, Mauro Magni, Enrico Manera, Lucia Marcucci, Renato Meneghetti, Antonio Murgia, Maria Murgia, Lamberto

Pignotti, Mirko Pagliacci, Riccardo Resta, Massimo Sansavini, Mattia Serra, Annarita Serra, Skim, Croce Taravella, Serge Uberti, Luca Zampetti.

Dopo l’inaugurazione della mostra, nella Sala Conferenze, giovedì 4 agosto alle ore 21,00 la Fondazione S.E.C.A. e il Polo Muse le Diocesano proietteranno il film “A qualcuno piace caldo” di Billy Wilder e venerdì 5 alle 21,00 “Quando la moglie è in vacanza” di Billy Wilder, i due grandi successi cinematografici con protagonista l‘inimitabile Marilyn. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti. Si consiglia di arrivare almeno 20 minuti prima dell’orario indicato.

Solo per il giorno d’inaugurazione della mostra, l’ingresso è gratuito.

Per informazioni: 0883.58.24.70 o [email protected].

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.