Istituzione di una commissione d’indagine sui concorsi Amiu: proposta ritirata

L’ultimo punto su Amiu ha riguardato i concorsi indetti dall’azienda, ovvero si è discusso circa l’istituzione di una commissione d’indagine che eserciti un controllo di trasparenza sulle procedure concorsuali in modo tale da avere contezza del regolare svolgimento delle prove. Il consigliere Vito Branà ha ricordato la sua nota del 6 settembre riguardo le prove orali.

Il consigliere Claudio Biancolillo ha chiesto il ritiro della proposta: «Dovete avere il coraggio di denunciare e non discutere di questo punto nel consiglio comunale che non può intervenire in materie concorsuali. Non servono post su Facebook, ma denunce».

Stesse perplessità anche da parte della consigliera Donata Di Meo e del consigliere Beppe Corrado secondo cui la proposta va ritirata e le presunte irregolarità denunciate nelle sedi competenti. Michele Di Gregorio ha chiesto e ottenuto una sospensione momentanea del consiglio comunale per confrontarsi con gli altri consiglieri circa il ruolo degli stessi.

L’ingegner Nacci risponde così: «Non ho capito quali siano le irregolarità espresse dal consigliere Branà. Verificherò se ci sono graduatorie con punteggio e altre senza punteggio, gli atti sono tutti accessibili. Non ci è stato notificato ad oggi nessun ricorso, nel frattempo difendo il lavoro della commissione: sono convinto sia stato fatto un buon lavoro».

Alla luce di quanto emerso, Vito Branà ha deciso di ritirare il provvedimento.