+++Incredibile+++, la foto di Diletta Leotta che scandalizza il web

Tranquilli, anche se scorrete in basso e anche oltre il vostro smartphone o sul retro se c’è una foto della Leotta in déshabillé rimarrete delusi. Se volete la Leotta in foto osé, andate su TgCom24, che si autocelebra come uno dei portali di informazione più cliccati in Italia, con la colonna delle notizie di destra che più che un portale di informazioni sembra una puntata di Ciao Darwin.

pubblicità

Il titolo serviva solo per farvi soffermare qualche secondo in più sulle parole. Se avessi scritto “Squalo attacca signora a largo di Gallipoli” avreste fatto la stessa cosa. Se avessi scritto “l’importanza dei contenuti oltre i titoli” avreste preferito ancora una volta TgCom24. Non leggiamo più. Non abbiamo pazienza di leggere un titolo e apprendere il contenuto di un articolo. Abbiamo troppa fretta di fare cosa poi? Di aprire una volta in più un social in modo compulsivo per controllare se il salumiere del terzo piano ci ha messo un like? Siamo approssimativi. E non solo nel leggere e comprendere qualcosa.

Quel mood, cioè quello stato d’animo (in inglese fa più cool, cioè più figo) si impadronisce di noi e ci sta facendo cambiare. Crediamo di essere più abili, più multitasking. Sono chiacchiere. Pensiamo di esserlo ma siamo più lenti, più stupidi. Leggi un titolo tipo “le uova fanno bene” e ti trovi Valeria Marini che, dopo aver concorso in tutti i possibili reality italiani senza mai lasciar traccia, suggerisce di cibarsi di uova crude intossicando se stessa e altre due persone all’Isola dei Famosi spagnola. Tra l’altro ho anche scoperto che pensavo si chiamasse Isolas des Famosos, invece ha questo nome da hit estiva di Enrique Iglesias, Supervivientes. E per aver mangiato e fatto mangiare uova crude, il risultato per Valeriona è di tre intossicazioni alimentari.

Ci renderemo conto dei contenuti oltre i titoli quando potremo tornare a cenare all’aperto con amici e parenti, e dovremo intavolare una discussione dopo essere stati bombardati in un anno su tre soli temi: vaccini-bollettino-sceltedelgoverno. Al primo commensale che giustamente vi ricorderà “parliamo di tutto ma lasciamo stare la pandemica trinità” potremmo andare in panico. La discussione, se continuiamo a leggere solo i titoli, potrebbe fermarsi alla carta dei vini. Parliamo per titoli, parliamo per slogan. Votiamo per titoli, votiamo per slogan.

Se siamo al punto che Fedez ed Elodie si mettono a spiegarci la legge Zan, mentre il senatore Razzi fa video ballando in piazza di Spagna, capiamo bene che non possiamo più permetterci di fermarci ai titoli, ma quegli articoli dobbiamo leggerli e rileggerli almeno due volte. Partendo dall’interrogarci tutti su come sia potuto venire in mente a Valeria Marini di mangiare uova crude. Chapeau.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.