In libreria “Dieci favole della buonanotte” del tranese Luigi Scortichini

Una raccolta di favole tramandate di generazione in generazione. Il titolo potrebbe ingannare: questo non è un libro per bambini bensì per “grandi”. Tutte le storie, riportate sapientemente dall’autore, sono il frutto dei racconti che la sua mamma gli narrava ogni sera, da piccolo, prima di andare a dormire. Sono racconti che fanno parte di un bagaglio culturale legato alla Puglia degli anni
‘40 e che venivano tramandati oralmente. L’unicità di questo libro sta proprio qui: non perdere le tradizioni delle generazioni a
noi precedenti e il miglior modo per farlo è metterle per iscritto. Un libro che parla di un pezzetto della nostra Italia e della nostra cultura.

Prefazione del dottor Tommaso Fontana – Bisceglie Postfazione della prof.ssa Caterina Balenzano – Università di Bari
Quarta di copertina: Una raccolta di favole che mia madre ascoltava attorno al focolare negli anni Quaranta, ambientate nella Puglia di un imprecisato tempo antico e impregnate di sapori, tradizioni e bucce di mandarino bruciacchiate. Grazie ad esse, i bambini hanno imparato a conoscere il mondo, ad apprezzare le piccole cose e a diventare adulti responsabili.

Note Biografiche: Luigi Scortichini, nato a Trani nel 1973, diplomato in Musicoterapia, specializzato nel trattamento delle persone con Malattia di Alzheimer, relatore a diversi convegni e co-autore di una pubblicazione sull’argomento; già corista lirico in produzioni in Italia e all’estero; animatore, appassionato di fotografia, amante della buona cucina e dei gatti.