Il teatro pubblico pugliese presenta il progetto “Indovina chi viene a (s)cena”. Anche il comune di Trani vi aderisce

pubblicità

Regione Puglia e 28 Comuni soci del Teatro Pubblico Pugliese, tra cui il comune di Trani, presentano un progetto culturale nuovo ideato dal Tpp che è anche un gioco alla (ri)scoperta di risorse e vocazioni delle nostre città, del teatro, della danza, della musica, dei luoghi e avvenimenti, delle radici e tradizioni. Una azione realizzata in collaborazione con Pugliapromozione, Pugliesi nel Mondo e Inchiostro di Puglia.

Una vera a propria stagione teatrale unica regionale in epoca Covid con racconti-spettacolo inediti di 30 minuti ciascuno – ripresi dal vivo – allestiti appositamente per l’occasione e messi in scena attorno ad un tavolo imbandito, un pasto teatrale, un grande convivio che mette insieme attori, mestranze e pubblico nella lunga attesa delle riaperture di platee e palcoscenici. È “Indovina chi viene a (s)cena” la nuova proposta che il Teatro Pubblico Pugliese ha ideato per rimettere in moto la macchina teatrale in presenza e le stagioni che da sempre abitano i teatri di Puglia. In 28 teatri
cittadini da nord a sud della Puglia, 66 compagnie pugliesi e spettacoli in scena dal venerdì alla domenica dal 30 dicembre alle 19.30 e alle 21.00, in un grande cartellone unico regionale condiviso e sostenuto dalla Regione Puglia e da tutti i Comuni soci che ne hanno voluto far parte, stagione sempre aperta che di fatto, di ora in ora, si correda e arricchisce di nuove città, teatri e compagnie.


A sorpresa saranno sia il racconto che la produzione teatrale, la compagnia e gli attori in scena, tutti ospitati in presenza nei teatri pugliesi e ripresi da una regia che li trasmetterà su una piattaforma digitale. Gli spettatori potranno collegarsi dal sito del Teatro Pubblico Pugliese e seguire le regole del gioco per riservare il proprio posto a tavola per seguire la diretta.

Si comincia mercoledì 30 dicembre con un primo doppio appuntamento in scena a Lecce-Teatro Apollo (ore 19.30 e ore 21.00), e si prosegue poi da gennaio ogni fine settimana ad oltranza fino a marzo e oltre. Al momento sono 66 le produzioni che andranno in scena con attori professionisti pugliesi in presenza sui palcoscenici dei 28 teatri coinvolti: racconti-spettacolo originali, inediti, “al buio” per gli spettatori, che si ritroveranno così invitati d’onore ad aperitivi e cene molto speciali. Racconti che verteranno sull’identità del territorio, su un drammaturgo, su un personaggio
pubblico o su un piatto tipico della tradizione enogastronomica del luogo.

L’assessora alla cultura del comune di Trani, Francesca Zitoli, ha detto: «Con convinzione abbiamo scelto di aderire a un progetto che vuole sostenere tutte le professionalità legate al mondo teatrale pugliese, che vuole sperimentare nuove forme di produzione culturale e promozione del territorio, che vuole mantenere i contatti con il pubblico oltre ogni barriera e anche con i tanti pugliesi nel mondo. Un progetto che metterà in scena progetti nuovi e inediti su tematiche diverse tra cui personaggi noti, tradizioni culinarie e storie tipiche del proprio comune. A ora di cena il pubblico sarà guidato – continua l’assessora Zitoli – attraverso un gioco a indizi sulla piattaforma online Pugliaplay per scoprire lo spettacolo a sorpresa cui assisterà. Una sperimentazione culturale, di promozione del territorio che dimostra la forza e la resistenza di cui tutto il mondo della cultura è capace per uscire da questo lungo inverno della socialità così provata dalla pandemia. Noi ci siamo e saremo in grado di superare questo momento solo se saremo in grado di mettere su progettualità ampie e in rete».