Goletta verde, domani a Trani il flash mob “No erosione costiera, sì libero accesso delle spiagge”

Dal Gargano al Salento, nei giorni scorsi un team di tecnici e volontari di Legambiente hanno effettuato i campionamenti delle acque per monitorarne lo stato di salute, analizzati da laboratori certificati sul territorio e individuati dall’ufficio scientifico dell’associazione. Citizen science e territorialità le parole chiave che muovono centinaia di volontari, con l’obiettivo di scovare situazioni critiche di inquinamento legate alla cattiva depurazione dei reflui.

pubblicità

«Il Covid19 ha stravolto buona parte delle iniziative che erano in programma quest’anno a tutela delle nostre coste – ha detto Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – tuttavia non mancano all’appello attività di monitoraggio delle acque e di sensibilizzazione dei bagnanti, realizzate lì dove consentito e nel rispetto delle restrizioni. A fine tappa presenteremo i risultati di un monitoraggio realizzato ad ampio raggio sui litorali, per fare il punto sulla depurazione e su eventuali criticità nei mari interessati dalle foci di fiumi e canali. I riflettori saranno puntati inoltre sull’abbandono di guanti e mascherine che da mesi affigge l’ambiente e sulla necessità di dire stop all’erosione costiera. Anche quest’anno, buon vento a Goletta Verde»

“La buona gestione delle aree protette per tutelare la natura e far crescere i territori” è il primo degli appuntamenti in Puglia che si svolgerà oggi a Monopoli alle ore 18.00, una tavola rotonda per fare il punto su strumenti e modalità corrette di gestione dei parchi, alla quale parteciperanno Angelo Annese, sindaco di Monopoli, Domenico Vitto, sindaco di Polignano a Mare, Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente, Gianfranco Ciola, già direttore del Parco Regionale delle Dune Costiere, Daniela Salzedo, presidente di Legambiente Monopoli, Angelo Allegretti, presidente di Legambiente Polignano a Mare, e Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia. A seguire saranno consegnate le 5 vele di Guida Blu di Legambiente e Touring Club al Comprensorio Costa del Parco Agrario degli Ulivi Secolari che comprende i comuni di Polignano a Mare, Fasano, Monopoli, Ostuni e Carovigno.

Il 4 agosto tappa nella cornice del Parco naturale regionale di Punta Pizzo. Sulla spiaggia Li Foggi è in programma un eco-party con Nemo Mangiaplastica, per sensibilizzare cittadini e bagnati sul corretto smaltimento dei rifiuti e sulla tutela dell’ecosistema dunale. Mercoledì 5 agosto sarà la volta di Barletta con il flash mob “Usa e Getta? No, Grazie?” e con l’incontro “Insieme per il Fratino – La conservazione delle dune costiere: strategia di protezione degli habitat del piccolo trampoliere” dove interverranno Raffaele Corvasce, presidente di Legambiente Barletta, Massimiliano Vaccariello, referente e legale Enpa Barletta, Ruggiero Passero, assessore all’ambiente del Comune di Barletta, Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, e Franco Sacchetti, autore del libro “Fratini d’Italia”.

Giovedì 6 agosto a Trani, spiaggia di Boccadoro, si terrà il flash mob “No Erosione Costiera – Sì Libero accesso delle spiagge”, seguito da un’attività di pulizia della costa Nord dell’area nell’ambito del progetto “Mare d’inverno” promosso dal CSV San Nicola con il concorso #GiovanIdee. Legambiente Trani coinvolgerà i cittadini partendo dai giovani e dalle scuole, per il recupero di un’area naturalistica abbandonata e vandalizzata, deturpata ormai da anni da continui scarichi industriali. La tappa pugliese si concluderà venerdì 7 agosto a Bari con la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla depurazione in Puglia, alla presenza di Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, Giovanni Giannini, assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità della Regione Puglia, Vito Colucci, direttore generale di Autorità Idrica Pugliese, Vito Bruno, direttore generale di Arpa Puglia e del Contrammiraglio Giuseppe Meli, direttore marittimo della Puglia e della Basilicata ionica.

Anche quest’anno sarà fondamentale il contributo dei cittadini cui è dedicato lo slogan dell’edizione 2020 Quest’anno la Goletta più importante sei tu. Tramite il form di SOS Goletta sarà possibile segnalare a Legambiente situazioni sospette di inquinamento di mare, laghi e fiumi per consentire all’associazione e ai suoi centri di azione giuridica di valutare la denuncia alle autorità.

I cittadini saranno protagonisti anche grazie a #GolettaChallenge, la sfida social con cui Legambiente invita a ripulire dai rifiuti un piccolo tratto di spiaggia condividendone la foto sui social, sfidando tre o più amici a replicare l’azione in altri litorali. Per aderire è sufficiente taggare Legambiente e inserire #GolettaChallenge nel post, contribuendo a una catena di buone azioni in difesa dei mari.

La 34esima edizione di Goletta Verde ha come partner principali CONOU, il Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati, e Novamont, azienda leader a livello internazionale nel settore delle bioplastiche e dei biochemicals. Partner sostenitore è invece Ricrea, il Consorzio nazionale per il riciclo e il recupero degli imballaggi in acciaio. La campagna è inoltre realizzata con il contributo di Fastweb e media partner è la Nuova Ecologia.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.