Effetto Covid ma non solo: in otto anni a Trani cala il numero di negozi e commercio al dettaglio ambulante. Aumentano bar e ristoranti

Uno scenario a tratti “desolante” quello che emerge dalla lettura dei dati elaborati dall’Ufficio Studi Confcommercio sulla “Demografia d’impresa delle città italiane”. La pandemia dell’ultimo anno ha acuito certe tendenze e ne ha modificate
“drammaticamente” altre. Tra il 2012 e il 2020 è proseguito il processo di desertificazione commerciale e il Sud, rispetto al Centro-Nord, perde più ambulanti, ma registra una maggiore crescita per bar e ristoranti. Nel dettaglio, a Bari il numero di
esercizi di commercio al dettaglio in sede fissa è calato di 670 unità: 116 imprese in meno nel centro storico (erano 659, sono 543) e meno 554 nel resto della città (erano 3557, sono 3003). Cala il numero delle imprese relative al commercio ambulate, 20 in meno nel centro storico (da 60 a 40), nel resto della città da 675 del 2012 a 487 del 2020, ovvero 188 imprese scomparse. Aumenta invece il commercio al dettaglio al di fuori dei negozi, banchi e mercati: da 89 del 2012 (5 solo nel centro storico) a 130 nel 2020. Aumentano anche bar e ristoranti: da 1383 del 2012 a 1586.

Simile è la fotografia che si può scattare anche per i tre comuni co-capoluogo della Bat: a Barletta 1249 è il numero delle imprese di commercio al dettaglio tra centro storico e resto della città che si contavano nel 2012, nel 2020 sono 1101; ad Andria si passa da 1965 a 1732, prendendo in considerazione gli stessi dati temporali, di categoria merceologica e di ubicazione. A Trani si passa da 724 a 598.

Il trend negativo però anche nelle tre città della Bat si inverte se si considerano le attività ricettive di bar e ristoranti e i numeri di crescita più importanti si registrano soprattutto ad Andria dove bar e ristoranti nel centro storico, per esempio, erano 189 nel 2012 e sono diventati 236 nel 2020 e a questi vanno sommati quelli nel resto della città che sono 130 a fronte di 90 portando ad un totale di attività pari a 366. Otto anni fa erano 279. A Trani erano 345, ora sono 392 tra alberghi, bar e ristoranti. A Barletta da 395 si passa a 447. Purtroppo, come per Bari anche in questi tre Comuni si registrano riduzioni sul commercio al dettaglio ambulante: ad Andria nel 2012 erano 825 le imprese, sono diventate 631, ovvero il 24.72% in meno in otto anni. A Trani da 76 a 30, a Barletta da 216 a 135, ovvero il 37.5%.