Dieci anni fa il Trani di Flora e Pettinicchio in serie D: Noto battuto 3-1 ai supplementari

0
pubblicità

Il popolo calcistico di Trani oggi, sabato 13 giugno, rivive con la mente, il cuore e non solo le emozioni del 13 giugno di dieci anni fa, quando la Fortis Trani del presidente Antonio Flora, allenata da Giacomo Pettinicchio, in uno stadio comunale gremito in ogni ordine di posto, batteva il Noto 3-1, dopo i tempi supplementari, nella finale di ritorno dei play-off e conquistava la promozione in serie D.

Sette giorni prima, in Sicilia la partita era finita 1-1 con il pareggio di Sabini di testa, su calcio piazzato di capitan Latartara, a 8 minuti dalla fine nella cosiddetta «zona Trani», perché molto spesso quella squadra le partite le risolveva negli ultimi minuti di gioco.

Non è un caso che nel turno precedente, nella doppia sfida contro il Molfetta, la gara di ritorno giocata a Manduria e a porte chiuse si era decisa nel recupero con l’indimenticabile gol di Medico su assist di Leo Ragno.

Al comunale il Trani passava in vantaggio con Fumai al 24mo, su assist dell’imprendibile Genco, ma subiva il pareggio del Noto al 25mo della ripresa con un gran tiro dalla distanza di Felicetti.

Si andava così ai supplementari e, nella seconda frazione corta, giungevano i gol di Latartara, su calcio di rigore, ed il sigillo di Visconti allo scadere.

Comunale e città in visibilio per l’impresa portata a termine da una squadra di cui ancora oggi i tifosi mantengono un ricordo bellissimo attraverso le tante amicizie nate e conservate per tutto questo tempo.

Il Trani scese in campo con Perina, Visconti, Amato, Sabini, Fabiano, Latartara, Genco, Vittorio, Millàn, Fumai, Pisani. In panchina, con mister Pettinicchio, Orizzonte, Montecasino, Cinquepalmi, Piscopo, Medico Ragno e Crisantemo.

Ed oggi, proprio per celebrare quell’impresa, è stato pubblicato «Come un dragone in volo. 13 giugno 2010», volume nato da un’idea del fotografo Sergio Porcelli e realizzato dai giornalisti Vito Contento e Vito Prigigallo per i tipi di Grafica Squeo (Capurso).

(foto Sergio Porcelli)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui