Dialoghi di Trani, si chiude oggi la 20ma edizione. Il programma

Domenica 19 settembre: si conclude la XX edizione dei Dialoghi di Trani. Omaggio a Dante con Dorfles e Panaro. Chiudono Zagrebelsky e Gifuni. Agenda degli appuntamenti.


ORE 10:00 – BUBBLES

Corso di scrittura creativa

Con Ilaria Gaspari

Come nasce un personaggio?

Molti scrittori sostengono che siano i loro personaggi a decidere cosa deve succedere in una storia. Ma come si crea un personaggio capace di tanta autonomia, come si fa a renderlo vivo? Un laboratorio per imparare qualche trucco del mestiere da grandi scrittori, per fare conoscenza con personaggi indimenticabili, e soprattutto, per provare a inventarne qualcuno di nuovo, capace di animare nuove storie.

A cura di Scuola Holden

…………………………………………………………………………………………………………………

ORE 10:00 – PIAZZA DUOMO

Tavola rotonda

Massimo Bray, Eva Degl’Innocenti, Christian Greco ( in collegamento), Laura Pugno, Marino Sinibaldi, Laura Valente e Pietro Del Soldà

Curarsi con la cultura

Se la cultura contribuisce al benessere degli individui, delle comunità e dell’ intero sistema paese, quali strumenti si possono individuare per promuoverla con proposte concrete, attuabili e sostenibili.
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
ORE 11:00 – CATTEDRALE (BASILICA SUPERIORE)

Dialogo

Mons. Leonardo D’Ascenzo, Adolfo Ceretti, Michele Laforgia e Domenico Castellaneta

Un’altra Storia inizia qui: la giustizia come ricomposizione

Le meditazioni sulla giustizia del Cardinale Carlo Maria Martini rappresentarono all’epoca “pensieri impensabili in attesa di essere pensati”. Alla luce del suo pensiero quale filo conduttore lega fenomeni storici ed istituzioni così diversi tra loro quali gli istituti di pena, la lotta armata in Colombia, gli “anni di piombo” in Italia, l’attività della Corte Costituzionale ? La necessità di ri-pensare la Giustizia, orizzontale e riparativa, non più punitiva e vendicativa, attraverso una visione capace di guardare al male che nasce dentro il cuore dell’uomo senza mai perdere la fiducia e la speranza nella possibilità di un cambiamento.

……………………………………………………………………………………………………………………………….
ORE 11:30 – PIAZZA DUOMO

Dialogo

Stefano Ciafani, Fabio Brescacin, Vincenzo Linarello e Francesco Strippoli

Spreco alimentare, fertilità del suolo, contrasto alle mafie

Cosa hanno in comune concetti così vasti e apparentemente lontani tra loro?
Si può pensare ad una profonda svolta ecologica nell’immediato futuro che veda protagoniste le comunità territoriali attraverso il ritorno alla cura del paesaggio e della terra con una agricoltura sostenibile (biologica e biodinamica), il riscatto delle risorse umane e produttive dai poteri mafiosi, la consapevolezza di una sovranità alimentare basata sulla biodiversità animale, agricola, sociale, culturale e sulla lotta allo spreco alimentare.
………………………………………………………………………………………………………………………
ORE 12:15 – CATTEDRALE (BASILICA SUPERIORE)

Lectio

Piero Dorfles

Il mito di Ulisse da Dante a Primo Levi
……………………………………………………………………………………………………………………..
ORE 16:00 – CIRCOLO DEL CINEMA DINO RISI

Cinema sostenibile

A cura del Circolo del Cinema Dino Risi

Tutte a casa – Memorie digitali da un mondo sospeso

Prodotto e realizzato dal Collettivo “Tutte a casa”, per la regia di Nina Baratta, Cristina D’Eredità, Eleonora Marino (Italia, 2021 ; 90 Minuti) 500 donne protagoniste e oltre 8.000 video prodotti dall’8 marzo a giugno 2020. Questi sono i dati più rilevanti e alla base di “Tutte a casa” documentario partecipato composto da video girati con il proprio cellulare, da donne di estrazione sociale ed età diverse, durante lo tsunami sanitario causato dal Covid-19.

……………………………………………………………………………………………………………………………
ORE 16:30 – CATTEDRALE (SANTA MARIA DELLA SCALA)

Monologo teatrale

Con Paolo Panaro, Altea Chionna e Alessandro Epifani

Vita di Dante

Un racconto intimo del mondo rissoso e gentile, brutale e appassionato che ha nutrito la poesia e il sogno politico di uno dei più grandi poeti di tutti i tempi; uno spettacolo che cerca di gettar luce sui conflitti dell’Italia di allora e su alcune contraddizioni dell’Italia di oggi.

A cura del comitato di Trani della Società Dante Alighieri
……………………………………………………………………………………………………………………………..
ORE 17:00 – PIAZZA DUOMO

Dialogo

Luigi Manconi, mons. Vincenzo Paglia e Pietro del Soldà

Il senso della vita

Un confronto tra due concezioni del mondo distanti e, per certi versi, inconciliabili: una ispirata da un profondo senso religioso, l’altra immersa nella società e nella concretezza delle sue contraddizioni e delle sue sofferenze. Ma entrambe tese a cercare, di fronte ai dilemmi che attraversano la vita quotidiana, il significato delle nostre scelte. Due punti di vista che, pur distanti, potrebbero convergere in nuovo umanesimo.
………………………………………………………………………………………………………………………………

ORE 18:00 – PIAZZA DUOMO

Incontro con l’autore

Antonella Viola e Giorgio Zanchini

Danzare nella tempesta

Abbiamo la responsabilità di imparare la lezione del virus, perché con sé porta le contraddizioni di un mondo globalizzato che trascura la catastrofe del clima e non si occupa delle disuguaglianze sociali. Per fortuna ad aiutarci c’è la scienza, che da secoli si misura con la realtà e le rivoluzioni non con la lotta, ma con la cautela e la leggerezza.
…………………………………………………………………………………………………………………………….
ORE 19:00 – BIBLIOTECA COMUNALE

Dialogo

Ilaria Gaspari, Simone Regazzoni (in collegamento), Andrea Vico (in collegamento)

Filosofia del pianeta Oceano

La natura in tutte le sue forme è tornata al centro della riflessione, non solo scientifica, ma anche filosofica. E’ in corso un ritorno alla filosofia della natura, pensata al di là dei limiti di un antropocentrismo, il cui . compito in stretto rapporto con le scienze (dalla biologia, all’etologia, fino alla micologia) è oggi ripensare l’idea di natura e lo statuto dei viventi tutti, con la consapevolezza che non si tratta di questioni teoriche, ma vitali. La posta in gioco è questa: elaborare nuove idee per affrontare la grande crisi ecologica del nostro tempo. Tra queste c’è sicuramente un ripensamento del rapporto tra terra e oceano, terra e mare: abbiamo dimenticato il mare, ed è tempo di tornare a pensarlo attraverso una filosofia naturalistica del pianeta Oceano.

A cura di Scuola Holden
……………………………………………………………………………………………………………………………..
ORE 19:30 – PIAZZA DUOMO

Dialogo

Assuntela Messina, Domenico Favuzzi e Andrea Frollà

Il divario digitale: una nuova forma di discriminazione

L’innovazione digitale si sta dimostrando il settore strategico per eccellenza, enfatizzato dalla pandemia in corso soprattutto riguardo all’istruzione pubblica: quali sono le priorità sulle quali occorre investire per dotare il Paese di infrastrutture all’avanguardia?
Come le nuove tecnologie possono diffondere le conoscenze e l’accesso a beni e servizi di utilità generale senza creare esclusioni?
Chi è escluso dal digitale appartiene spesso ad un ceto sociale svantaggiato ( anziani, donne non occupate, immigrati etc) e subisce gravi disuguaglianze sociali nell’accesso e nell’uso delle tecnologie sino all’emarginazione dalla partecipazione alla vita politica e sociale.
…………………………………………………………………………………………………………………………………………..
ORE 19:30 – BIBLIOTECA COMUNALE

Incontro con l’autore

Lorenzo Marone e Vito Santoro

La donna degli alberi

Una baita in montagna e una donna. Attorno a lei, la furia e la meraviglia della natura. La legge del Monte e il miracolo della vita, una magia di incontri nella natura che genera e che lotta per la sopravvivenza della specie dei viventi.

A cura della libreria Luna di sabbia

………………………………………………………………………………………………………………………………
ORE 20:30 – PIAZZA DUOMO

Lectio

Gustavo Zagrebelsky

Qohelet

Che cosa sono queste «vanità delle vanità» di cui ci parla il Qohelet? Sono un messaggio di disperazione o un linguaggio di libertà? Che cos’è il mondo sul quale il vento soffia da Oriente a Occidente e da Occidente a Oriente per ritornare sempre al punto di partenza?
………………………………………………………………………………………………………………………………
ORE 21:30 – PIAZZA DUOMO

Incontri pop

A cura di Gianvito Rutigliano e Felice Sblendorio

Fabrizio Gifuni

Nella sua lunga carriera in scena, ha coltivato il talento di restituire al pubblico le vite degli altri. Ha interpretato Basaglia, De Gasperi, Paolo VI, Pippo Fava. Ha portato in teatro Pasolini, Gadda, Pavese, Cortázar e Bolaño, il Memoriale e le ultime lettere di Aldo Moro. Per il ruolo del finanziere Giovanni Bernaschi, ne “Il capitale umano” di Paolo Virzì, ha vinto un David di Donatello come il miglior attore non protagonista.

Si ringrazia per le foto Antonello Pappalettera.