Detenuto in permesso, ma non può uscire da Trani: suo figlio lo raggiunge e riceve la Prima comunione allo Spirito Santo

Era in permesso speciale, ma non poteva uscire da Trani: così suo figlio, domenica scorsa, ha ricevuto la Prima comunione a Trani.

pubblicità

La bella storia di solidarietà e accoglienza vede protagonista un detenuto del carcere di Trani, Giovanni, pugliese, che solitamente lavora nella cucina della casa di reclusione e, quando ottiene i permessi, trascorre il fine settimana nella struttura Caritas del Sacro Cuore, in via Malcangi, raggiunto da moglie e figli che, così, possono rimanere con lui.

Questa volta, però, c’era un dettaglio non da poco: la prima comunione del primogenito. E così, poiché il magistrato non avrebbe potuto autorizzare il ritorno a casa detenuto, sia pur momentaneo, tutta il nucleo famigliare si è trasferito a Trani.

Ad accogliere il bambino è stato il parroco dello Spirito Santo, don Mimmo Gramegna, insieme con la catechista Angela: la famiglia si è così ritrovata insieme in quella chiesa parrocchiale, fra emozione e commozione.

Don Raffaele Sarno, cappellano del carcere, ritiene che «l’esperienza di questi giorni inciderà positivamente sulle scelte future di Giovanni» e ringrazia don Mimmo «per la piena disponibilità manifestata, proprio nei giorni in cui la parrocchia Spirito Santo festeggia i 25 anni dalla sua fondazione».

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.