Datteri di mare, ci risiamo: la Guardia costiera di Trani ne sequestra 5 chilogrammi

A seguito di una complessa ed articolata attività di indagine finalizzata al contrasto ai reati sulla filiera ittica, nella giornata del 30 aprile, la M/V CP 730 dislocata presso il porto di Trani ha posto sotto sequestro 5 kg. di datteri di mare e contestualmente ha redatto una comunicazione di notizia di reato a carico di noti per cattura e detenzione ai fini della commercializzazione di detto prodotto ittico, con sequestro accessorio di 2 martelli, 2 pinze, 1 cacciavite, 1 bibombola di colore grigio scuro da lt. 20 con matricola abrasa.

Tra i reati contestati al pescatore vi è l’asportazione di specie marine protette per le quali ne è totalmente vietata la cattura, la detenzione e la commercializzazione, oltre che di danneggiamento della scogliera interessata e deturpamento di bellezze naturali”. La pesca di questi molluschi ha un altissimo potenziale distruttivo.  La cattura, infatti, avviene martellando e frantumando le scogliere nel cui interno questa specie risiede.

(foto di repertorio)