Criminali dell’ambiente a Trani: abbandonate a Fontanelle due pedane con lastre di eternit

È caccia ai criminali dell’ambiente che hanno abbandonato in contrada Fontanelle 2, lungo la vecchia strada statale fra Trani e Barletta, due bancali contenenti lastre di eternit, contenenti amianto. A segnalarle, il consigliere comunale Michele Centrone.

pubblicità

Il conferimento dovrebbe essere avvenuto nella notte e dell’episodio sono già stati interessate Polizia locale ed Amiu. A quanto si è appreso, del caso si sta interessando direttamente Palazzo di città, provvedendo ad incaricare un operatore, previo sopralluogo, per la rimozione del materiale pericoloso.

Secondo le prime ipotesi, ad abbandonarlo potrebbe essere stato qualcuno dotato di muletto o autogru dopo avere rimosso quelle lastre da una copertura ed averle accuratamente accatastate sulle pedane in legno.

pubblicità

1 commento

  1. Bene ha fatto Nico Aurora a definire “criminali dell’ambiente” gli ignoti che hanno abbandonato le lastre in cemento amianto alla periferia di Trani in contrada Fontanelle. Leggo anche che Palazzo di città si sta interessando direttamente della cosa in relazione alla pericolosità del materiale. Non posso trascurare di affermare che è un interessamento colpevolmente tardivo. Sono decenni che in qualità di portavoce BAT e referente locale dell’AEA (Associazione Esposti Amianto e rischi per la salute) sensibilizzo il Sindaco perché avvii un programma di bonifica della città. Ci sono voluti 20 anni per la bonifica in pieno centro del tetto del supercinema; qualche tempo fa ebbi modo di affermare che con i tempi di bonifica necessari per il vecchio cinema-teatro Trani, in relazione alle notevoli superficie di coperture in cemento amianto, potrà essere “asbestos free” fra 540 anni!
    Aggiungo che se si fosse provveduto ad opera dell’amministrazione al doveroso censimento e mappatura, così come previsto dalla Legge 257/92 e dal P.R.A. (Piano Regionale Amianto) il delitto perfetto di questi ignoti che dotati di muletto o autogrù e pedane sarebbero già individuati e probabilmente avrebbero evitato nella consapevolezza di essere facilmente individuati.
    Antonio Carrabba Portavoce BAT AEA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.