«Conservare e valorizzare». A Trani inizia un percorso comune in favore dei beni culturali

Non basta conservare i beni che abbiamo nel territorio se, poi, non siamo in grado di renderli fruibili. Perché questo avvenga, però, è necessario che tutte le parti in causa dialoghino fra loro, remino dalla stessa parte e, laddove possibile, accorcino i tempi degli interventi.

pubblicità

Di questo si è parlato, giovedì scorso, nel convegno dal titolo «Tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale: quali possibili scenari?», organizzato dagli Ordini degli architetti e degli avvocati, insieme con Italia nostra, e tenutosi a Palazzo Covelli, presso la sede degli architetti della Bat.

Vi hanno preso parte, oltre i presidenti dei soggetti organizzatori, rispettivamente Paolo D’Addato e Tullio Bertolino, il soprintendente di Bat e Foggia, Anita Guarnieri, il comandante del Nucleo dei Carabinieri tutela patrimonio culturale di Bari, Giovanni Di Bella, l’architetto Loredana Ficarelli, prorettore vicario del Politecnico di Bari, e l’architetto Matteo Ieva, docente di progettazione architettonica e urbana dello stesso ente. È intervenuto anche il sindaco, Amedeo Bottaro, e ha moderato l’incontro l’architetto Francesca Onesti, per Italia nostra.

«Nel nostro mestiere si afferma il principio della tutela e della conservazione del bene culturale – spiega D’Addato -, ma l’architetto è anche un progettista, perché questi beni culturali vanno sì tutelati e conservati come patrimonio identitario del nostro territorio, ma vanno resi anche fruibili e valorizzati. È importante la gestione di questi beni perché altrimenti, una volta che li abbiamo conservati e musealizzati, rimangono fini a se stessi. È quindi importante la frizione, senza la quale l’investimento per restaurarli e conservarli sostanzialmente viene meno.

L’architetto Onesti, nel 2000, scrisse un libro, dal titolo «La campagna di Trani», in cui documentava con scrupolo dimore e masserie di pregio, molte delle quali già in rovina. Ventidue anni fa parevano quasi delle divagazioni, ed invece aveva colto nel segno ed oggi questa è una urgenza e priorità. «Il problema di questo patrimonio enorme, che siamo purtroppo perdendo – spiega l’architetto – è diventato enormemente attuale. I privati sono soli e non ce la fanno economicamente, quindi ci vorrebbero degli interventi mirati da parte delle istituzioni per riqualificare questi beni che stanno letteralmente crollando: penso, per esempio, alla Torre normanna nei pressi dell’uscita dell’autostrada, che è già crollata, a Villa Melodia che sta crollando, a Villa Maggi che è stata fatta crollare, a Villa Monetti oscurata da un nuovo palazzo. Io non posso che documentare le presenze nel territorio e le emergenze che ci sono, e se abbiamo voluto questo incontro è proprio perché vogliamo occuparci e tentare di salvare il salvabile, avviando un percorso comune».

«Ho vissuto con grande favore questo momento di incontro con il territorio ed i professionisti della Bat – dice a sua volta la soprintendente Guarnieri -. Il confronto dialettico è sempre costruttivo perché, se il Ministero non lavora insieme con i professionisti che operano sul territorio, è sicuramente più difficile mettere in campo delle trasformazioni che siano condivise, affidandosi solo soltanto a delle imposizioni legati a pareri e prescrizioni. Spero di avere avviato nuovo momento di dialogo non soltanto con Trani, dove sono ritornata con grande piacere dopo l’esperienza di direttrice del castello, ma con tutti i comuni della Bat».

pubblicità

1 commento

  1. caspita la direttrice del Castello ha fatto carriera. e ritorna a Trani…..confronto dialettico..lavoro dei professionisti…trasformazioni….ma quando mai! tutto quello che bisognerebbe fare a Trani è solo una cosa.- evitare che si proceda ulteriormente al SACCO inaudito del territorio in agro Capirro e dintorni. uno scempio di alberi abbattuti e pseduo villette a schiera che paiono fortilizi e tutto quel che ne consegue.-valorizzazione del patrimonio ma non solo artistico ma ambientale ma le soprintendenze sono racchiuse appunto da legami lacciuoli e prescrizzioni forte del potere che emanano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.