Cinquepalmi: «Fu errore prelevare da fondo post gestione discarica, conti Comune ora a rischio»

Nei bilanci del Comune di Trani non è mai stata iscritta la posta di debito corrispondente al credito riportato da Amiu nel proprio bilancio, relativo all’utilizzo del fondo post gestione da parte della stessa Amiu per oltre 6 milioni di euro.

pubblicità

È chiaro che questa omissione falsa quella che è la reale situazione economico finanziaria dell’Ente.

È bene ricordare che il Comune di Trani autorizzò con la famosa e tanto discussa ordinanza del 2016 il prelievo di rilevanti somme dal fondo post gestione per operazioni di messa in sicurezza (?) che non rientravano nel vincolo di destinazione di quel fondo.

Il comune, nella persona del suo sindaco, e l’Amiu, nella persona dell’allora amministratore unico, confidavano nelle diverse e milionarie azioni di responsabilità intraprese nei confronti degli allora amministratori e sindaci per ricostituire il fondo post gestione.

Così veniva riportato nelle note integrative dei bilanci Amiu.

Erano certi che le somme illegittimamente prelevate da quel fondo post gestione, su autorizzazione del sindaco, sarebbero state restituite dagli amministratori e dal collegio sindacale.

Per tale ragione il Comune di Trani, benché più volte sollecitato da me, non si è minimamente preoccupato di iscrivere in bilancio il debito per il ripristino di quello stesso fondo, ancora oggi impropriamente utilizzato.

Alla luce della sentenza della Corte di Appello di Potenza mi chiedo, cosa accadrà alle casse comunali?

Probabilmente un grosso debito fuori bilancio, difficilmente finanziabile dall’esiguo stanziamento del relativo capitolo di spesa e, di conseguenza, una variazione del bilancio 2024 con tagli alle spese correnti.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.