Chi sono i cento magistrati che comandano oggi in Italia? Se n’è parlato con l’associazione L’ebanista

Si è tenuto sabato 23 luglio in piazza Quercia, al bistrot Il marchese Orangerie, la presentazione dell’ultimo libro di Sergio Rizzo, giornalista e scrittore di successo: “Potere assoluto. I cento magistrati che comandano oggi in Italia”, un’inchiesta asciutta ed inedita, molto dettagliata in cui si svelano i retroscena inediti della casta più nascosta e potente del Paese, quella dei Consiglieri di Stato, quelli in sostanza che le leggi le scrivono stabilendo come applicarle.

pubblicità

Per chi avesse chiara la funzione del Consiglio di Stato, va detto che è uno degli organi ausiliari previsti dalla costituzione italiana, insieme al Cnel e alla corte dei conti e che tra le sue competenze rientrano sia attività di carattere consultivo che giurisdizionale. Una doppia natura che può essere considerata paradossale alla luce del principio di separazione dei poteri: il consiglio infatti si pone come organo di consulenza giuridico-amministrativa del governo e, allo stesso tempo, come giudice. La ragione di questa doppia natura è legata in gran parte alla particolare storia di quest’organo. La sua origine infatti precede sia lo stato unitario che lo statuto albertino.

“Nato come organo consultivo del Re – ha detto Sergio Rizzo – con limitate competenze giurisdizionali queste furono ulteriormente ridotte dopo l’unità d’Italia. Norme successive tornarono poi a valorizzare il suo ruolo giurisdizionale fino a che la costituzione non ne sancì definitivamente la doppia natura. Si può dare per scontato che siano tutti (ma non proprio tutti) personalità di alto profilo giuridico, ma in questa vasta area di magistratura sui generis – ha continuato l’autore del libro- non sono pochi gli esempi, basterebbe ripercorrere il curriculum di Franco Frattini, per accorgersi che la competenza è quasi sempre accompagnata da ampi margini di discrezionalità”.

Ha conversato con l’autore Vito Santoro per un’iniziativa che ha interessato molto i presenti (che più volte hanno interrotto Sergio Rizzo con spontanei applausi) organizzata dall’associazione culturale “L’Ebanista”; presente in rappresentanza il suo Segretario Giuseppe Curci, che nell’ambito degli eventi programmati per la presentazione di libri ha dato appuntamento al prossimo incontro, venerdì 5 agosto – ore 20:30 in piazza Quercia, con Caterina Varzi Brass, moglie di Tinto Brass, ed il suo libro dal titolo “Una passione libera. In forma di autobiografia” (Ed. Marsilio) scritto per sfatare tanti falsi miti che circolano sul regista restituendo, a posteriori, l’anima, il pensiero, la vita tutta dell’uomo e del regista.

Nel video le interviste a Sergio Rizzo, Vito Santoro e Giuseppe Curci.

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.