C volley, Lavinia timbra il cartellino: Trani-Bari 3-0

Una vittoria che ha scaldato i cuori e gli animi delle atlete e dello staff tecnico della Lavinia Group Volley Trani. Al tensostatico Ferrante la squadra biancoazzurra si è imposta per 3-0 contro la Volley’ Eagles Bari. Una gara importante che ha dimostrato le vere potenzialità della squadra quando si affrontano gli incontri con la giusta concentrazione e determinazione. Con la centrale Valeria Gorgoglione assente per infortunio, le giocatrici biancoazzurre hanno trovato la grinta giusta per iniziare il match mettendo sotto pressione la squadra avversaria che si è trovata a subire una filone di dieci punti, senza avere la possibilità di reagire. Fondamentali i servizi della alzatrice Sara Grassi e della laterale Francesca Mitoli, che hanno sfruttato sapientemente le zone di conflitto della ricezione avversaria.

pubblicità

Sul 18-10 il tecnico Volley’ Eagles si è trovato a dover usare tutti i time out, senza essere riuscito a frenare l’esuberanza delle tranesi con un ottimo lavoro sull’asse muro difesa. Sul finire della prima frazione di gioco è arrivato il tanto atteso debutto stagionale del libero Silvia di Pilato, classe 2008, che si è alternata con la compagna di reparto Gabriella Randolfi. Spazio anche per Sabrina Sfregola, classe 2009, che è riuscita a segnare punti importanti. Secondo set iniziato sulla falsa riga del primo, con le padrone di casa in pieno controllo del ritmo e del gioco. Ancora una volta letali per la ricezione avversaria i servizi delle atlete biancoazzurre. La squadra ospite ha provato a sorprendere la difesa tranese con attacchi da seconda linea ma con pochi effetti sul punteggio. Con un ampio margine di punteggio coach Mazzola ha quindi dato spazio a Sfregola, Mancini e Mastropasqua sul finale del set, dove sarà proprio l’alzatrice biancazzurra a chiudere il parziale in battuta.

Nel terzo e ultimo set la Lavinia Group Volley Trani ha tranquillamente amministrato il vantaggio, anche grazie all’’ingresso di Spaccavento sin dal primo punto. Poi sul 19-11 spazio a nuovamente a Sfregola, Mancini, Mastropasqua e Di Pilato che, sostenute dal pubblico di casa, non si sono fatte sopraffare dall’emozione. Nonostante una timida reazione della squadra barese, sarà proprio Laura Mancini, classe 2005, a chiudere il match con due aces. Menzione particolare va al debutto di Silvia Di Pilato che ben si inserisce nella volontà della società e dello staff tecnico di far crescere i talenti del proprio vivaio, facendoli allenare e gareggiare con la prima squadra e creando un tres d’union con le formazioni giovanili che sono seguite da tecnici preparati e interessati al futuro delle giovani atlete.

SET: 25-14; 25-10; 25-21

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.