Ai Mondiali di atletica allenato da un tranese: la bella storia di Pietro Pivotto e Tonino Ferro

C’è una mano tranese sui destini di Pietro Pivotto, 27enne quattrocentista di Rodengo Saiano, in provincia di Brescia, convocato nella Nazionale azzurra della 4 x 400 in vista dei Campionati mondiali di atletica leggera che si terranno a Eugene, in Oregon, dal 15 al 24 luglio prossimi.

pubblicità

La kermesse è destinata a riproporre in quel palcoscenico gli atleti che tante gioie hanno regalato all’Italia alle Olimpiadi di Tokyo dell’anno scorso, su tutti Marcel Jacobs, Gianmarco Tamberi e la staffetta veloce 4 x 100.

Tuttavia, anche nella selezione azzurra del giro di pista l’Italia è pronta a fare la sua parte, e nel quartetto Pietro Pivotto potrà dire la sua grazie ai risultati recentemente conseguiti sotto la sapiente guida di Tonino Ferro, l’allenatore tranese che ha già forgiato numerosi campioni e campionesse dell’anello rosso, a cominciare da Veronica Inglese.

Con Ferro, che è allenatore nazionale specialista del Coni e della Fidal, nonché Quercia d’oro al merito sportivo, domenica scorsa Pivotto ha vinto la medaglia d’argento con la 4 x 400 ai Giochi del Mediterraneo svoltisi ad Orano, in Algeria. Da lì a poche ore la notizia della sua convocazione ai Mondiali.

«Lo scorso settembre Pietro mi disse: “Vorrei fare l’atletica che conta” – racconta Ferro -. Ed io gli risposi: “Ok, vediamo che si può fare”. Il 46″24 sui 400 metri gli ha consentito di andare ai Giochi del Mediterraneo, dove ha corso la prima frazione della staffetta con Leonardi, Bianciardi e Raimondi. Lui è davvero forte – riconosce Ferro -, ma io spero di avere dato il mio piccolo contributo al raggiungimento di questo importante obiettivo».

Ennesima soddisfazione per Ferro, che continua a dare lustro alla sua città natale, Trani, che pure è totalmente sprovvista di un anello rosso e limita le strutture di atletica, si fa per dire, ad una sola pedana del salto con l’asta in adiacenza al palazzetto dello sport.

Ma la Puglia e la Bat erano nel destino del binomio Pivotto-Ferro: «Ci siamo incontrati su uno dei campi d’atletica più belli d’Italia, il mitico Stadio Gustavo Ventura di Bisceglie – racconta Ferro -, e mai sarò grato abbastanza alla città di Bisceglie per avermi dato la possibilità d’essere un allenatore affermato».

pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.