A Santa Geffa sono i sogni a dare forma al mondo: debutto per l’associazione A Million Dreams con lo spettacolo “Daydreamers”

0
pubblicità

Si è conclusa con lo spettacolo “Daydreamers” dell’associazione culturale A Million Dreams l’estate ricca di eventi a Santa Geffa. Il parco sociale di via delle Tufare si è dimostrato ancora una volta luogo idoneo per la fruizione di spettacoli, musica e teatro immersi nella natura, nel pieno rispetto delle norme Covid. Infatti, come abbiamo potuto verificare di persona seguendo la maggior parte degli eventi, gli operatori di Xiao Yan, la cooperativa che gestisce il parco, hanno fatto rispettare rigidamente le misure di sicurezza con il controllo della temperatura all’ingresso, l’utilizzo delle mascherine e postazioni con gel igienizzante.

L’estate, come dicevamo, si è conclusa con il doppio riuscito spettacolo di 31 ragazzi, dai 14 ai 23 anni, che il 9 e 10 settembre hanno portato sul palco la forza dei sogni che, spesso, fanno i conti con la parte più razionale di noi. In un viaggio tra danze e parti recitate, “Daydreamers” ha toccato le storie che hanno fatto sognare diverse generazioni di bambini, da “La Bella e la Bestia” a “Mulan”, da “Il Re Leone” a “Peter Pan”. I presenti, 520 persone complessive nelle due giornate, hanno apprezzato le capacità canore, di recitazione e di ballo di giovani ragazzi che hanno tenuto il palco per più di tre ore. Da ammirare anche la grande varietà dei costumi di scena e dei generi musicali proposti.

«L’associazione – ci spiegano i ragazzi – è stata creata ufficialmente a gennaio 2020, sebbene da settembre avevamo iniziato ad incontrarci. Gli ideatori sono Rossella Scaringi (presidente e aiuto coreografo), Saverio Verzicco (coreografo), Simone Caffarella (vicepresidente e responsabile del canto e della recitazione) e Felice Nenna (responsabile recitazione e canto). Per quest’ultima sezione i due responsabili si avvalgono di Antonio Conversano, Marianna Lorusso e Marianna Di Gaetano. Ad aiutare il coreografo ci sono Chiara Formicola e Antonio Damantino. Il nostro obiettivo – continuano – è quello di essere un punto di aggregazione culturale per i giovani talenti di Trani che, oltre a voler approfondire la loro materia di indirizzo, possono anche imparare altre arti».

L’associazione culturale avrebbe dovuto presentare lo spettacolo al Teatro Impero il 5 e 6 marzo, ma a causa del Covid i ragazzi hanno dovuto posticipare il loro debutto scegliendo come location il parco Santa Geffa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui