1924-2024, centenario del primo Congresso eucaristico interdiocesano

Indetto e celebrato a Trani dal 30 aprile al 4 maggio 1924

pubblicità

Esattamente cent’anni fa in Trani si è svolto, per la prima volta in Puglia, il Primo Congresso Eucaristico Interdiocesano. Fortemente desiderato da S.E. Mons. Giuseppe Maria Leo, le cinque giornate Eucaristiche hanno visto un susseguirsi di straordinari funzioni tra cui: celebrazioni Eucaristiche; adorazioni Eucaristiche; assemblee; confronti; prime Comunioni; relazioni; votazioni; dibattiti. Tutto si è svolto in due punti particolari: Duomo (riti liturgici) e Teatro Comunale (relazioni/riunioni). L’intento? Quello di affezionarsi nuovamente verso alla Ss. Eucaristica da parte dei cittadini delle Diocesi di Trani, Barletta e Bisceglie. Invogliare i cristiani a soffermarsi meglio sul mistero Eucaristico, attraverso la riscoperta del Miracolo Eucaristico: segno per eccellenza che riconduce al Ss. Sacramento.

Tra i partecipanti si ricordano: Sua Eminenza Francesco Ragonesi (delegato di S.S. Pio XI); arcivescovi e vescovi pugliesi ed extra; rappresentati ordini religiosi; terziari; comitati diocesani; giunte diocesane; circoli giovani; rappresentanti parrocchiali.

27 aprile 1924 – Giornata in preparazione

La preparazione alla cinque giorni è stata celebrata nel Duomo nella Domenica “in Albis”, il 27 aprile ’24, alla presenza dei fanciulli.

Alle ore 8:30 Messa Celebrata dal Rev.mo Mons. Bartoloni, comunione generale di fanciulli e fervorini.

Ore 18:00 Ora solenne di adorazione predicata. I fervorini e l’ora di adorazione saranno tenuti dal Rev.mo Padre Di Lorenzo, della Congregazione del Ss. Sacramento.

pubblicità

1 commento

  1. Osservo la foto di 100 anni fa’ … due considerazioni.
    La prima, ovvia, quella marea di persone immortalate sono tutte … morte.
    La seconda è il lampione AMET in primo piano, sembra essere l’unico almeno nell’inquadratura della foto che arriva fino all’altezza del cinema Impero.
    Da notare che allora il corpo illuminante NON illuminava il cielo, ma sicuramente era sufficiente per tutta la piazza (oggi della Libertà), a meno che qualcuno dei lettori di questo msg. riesca a trovare delle proteste di “poca luce” (come le pretestuose di questo periodo) dell’epoca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.